Autorizzazione intestata al padre morto: nei guai gestore di una sala giochi

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La scoperta fatta dalla Squadra amministrativa della Polizia di Campobasso, nell’ambito dei controlli per prevenire l’attività illegale


CAMPOBASSO. Controlli amministrativi presso le sale giochi ndella provincia di Campobasso, condotte dagli agenti della Squadra amministrativa della Polizia di Campobasso, nell’ambito di servizi coordinati per la prevenzione e repressione del gioco illegale,   insieme a personale della Finanza, dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato.

In particolare, durante gli accertamenti  effettuati in una sala giochi, sono state rilevate  diverse irregolarità. All’interno del locale infatti,  sono stati trovati apparecchi videoterminali (i cosiddetti Vlt – Video lottery Terminal)  in funzione e riscontrati illeciti  riguardanti la  titolarità della licenza autorizzatoria rilasciata dalla Questura, risultata non intestata al proprietario dell’attività ma al padre dello stesso, morto alcuni anni fa.

Considerato che l’art. 8 del Tulps sancisce  che le autorizzazioni di polizia sono personali e non possono essere trasmesse, il titolare della sala giochi è stato denunciato per aver istallato apparecchi Vlt. all’interno di un pubblico esercizio, in mancanza della prescritta licenza di Pubblica sicurezza. All’uomo  è stata inoltre notificata l’ordinanza del questore di Campobasso per la cessazione della suddetta attività di gioco.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings