Isernia, terza settimana di stop in tribunale: ancora casi di Covid-19

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il presidente della Camera Penale circondariale di Isernia, Francesco La Cava, si appella al presidente Di Giacomo: consentire l’accesso agli avvocati per il deposito degli atti non trasmissibili via Pec


ISERNIA. Tribunale di Isernia verso la terza settimana di stop, dopo il proliferare di casi di Covid-19 tra i dipendenti. Chiusura quasi certa anche dal 9 al 14 novembre per nuovi casi riscontrati: lo rende noto il presidente della Camera Penale circondariale di Isernia, Francesco La Cava, che si appella al presidente del palazzo di Giustizia, Vincenzo Di Giacomo, affinché "la chiusura del Tribunale non si concretizzi in un sostanziale fermo delle attività”.

La Cava, con una lettera a Di Giacomo, ha infatti chiesto che nel palazzo di Giustizia venga consentito non solo lo svolgimento delle attività urgenti, ma anche l’accesso agli avvocati per il deposito di tutti gli atti di cui non è autorizzata la trasmissione a mezzo pec, sia per il dibattimento penale che per l’Ufficio Gip-Gup che per il Giudice di Pace, con la presenza del relativo personale.

“Ricordo – ha concluso il presidente della Camera Penale pentra - che, a differenza di magistrati e personale dipendente, gli avvocati non lavorando non percepiscono emolumenti”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

 

                  

Change privacy settings