Coronavirus a Montenero di Bisaccia, la minoranza contro il sindaco: "Gestione approssimativa dell'emergenza"

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Dai tamponi ai provvedimenti di chiusura delle scuole, il duro atto d'accusa del gruppo Montenero che Rinasce: "In paese regna il caos"


MONTENERO DI BISACCIA. I consiglieri di minoranza del gruppo “Montenero che Rinasce” Fabio De Risio, Gianluca Monturano, Giulia D’Antonio e Nicola Palombo, criticano l’operato della maggioranza guidata dalla sindaca Simona Contucci, in relazione al mancato coinvolgimento nella gestione dell’emergenza coronavirus in città. Dalle ingenti risorse spese per la sanificazione dei plessi alla tempistica alquanto anomala per l’effettuazione dei tamponi, fino alle chiusure degli edifici scolastici decretate anche per un solo caso di positività.

Sulla gestione dell’emergenza - sostengono i componenti dell’opposizione – registriamo approssimazione e superficialità; elemento manda in confusione i cittadini e rischia di alimentare comportamenti scorretti e polemiche, che in queste situazioni di emergenza andrebbero evitate.

Vogliamo suggerire ai nostri amministratori di maggioranza - continuano De Risio, Monturano, D’Antonio e Palombo – di applicare i protocolli sanitari esistenti e non interpretare le regole a loro piacimento. Le chiusure preventive vanno effettuate quando vi è l’assoluta ed esclusiva necessità di farlo, seguendo ovviamente i principi di adeguatezza e proporzionalità delle misure che devono essere varate e adottate. A tal proposito, occorre ricordare che ogni qual volta si chiudono le scuole si sta creando un forte disagio alle famiglie e soprattutto ai bambini e ai ragazzi.

Se proprio i membri della maggioranza vogliono essere zelanti, visti i rapporti diretti che essi hanno con i membri della Giunta regionale guidata da Toma e con i vertici Asrem, in brevissimi tempi, potrebbero predisporre un presidio diretto di screening sul territorio di Montenero, come stanno facendo lodevolmente, in questi giorni altre regioni, in primis il Trentino Alto Adige.

Un luogo fisico, situato magari presso il nostro Poliambulatorio (che potrebbe riprendere vigore), dove effettuare tamponi rapidi, per chiunque ne avesse bisogno”.
Un appello finale i componenti della minoranza lo rivolgono in difesa della sanità e per la riapertura dei nosocomi chiusi, a partire da quella di Larino.

“Su quest’ultimo punto – concludono gli esponenti della minoranza nel Consiglio comunale di Montenero di Bisaccia - ci auguriamo che il sindaco intenda assumere, sin da ora, un impegno formale dinanzi alla cittadinanza e che si interessi al tema della difesa dei presidi ospedalieri e della sanità pubblica di qualità”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

 

 

Change privacy settings