Parroco in quarantena, bimbi in fila per la Comunione: arriva il sostituto

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Disagi questa mattina a Longano per i piccoli che dovevano ricevere il sacramento. Il sacerdote di recente è rientrato dall’Africa e per via delle misure anti-Covid non ha potuto celebrare messa


LONGANO. Disagi e qualche polemica, questa mattina a Longano, in occasione della cerimonia della Prima Comunione. Per effetto delle misure anti-Covid, i bimbi e i loro genitori sono rimasti in attesa davanti alla chiesa del paese perché il parroco è in quarantena dopo essere rientrato in Italia dal Burundi, e quindi è stato necessario aspettare un sostituto.

“Qualche giorno fa – ha spiegato il sindaco Cristian Sellecchia – il parroco ha riferito di essersi sottoposto a diversi tamponi sia prima di partire che al suo arrivo. E che tutti sono risultati negativi. Abbiamo comunque evidenziato la necessità di rispettare un periodo di isolamento, così come stabilito dalle misure anti-Covid in vigore”.

I ritardi di questa mattina sono pertanto risultati inevitabili, perché il sacerdote chiamato in sostituzione, ha dovuto prima celebrare messa altrove. In ogni caso, i piccoli hanno potuto ricevere il sacramento.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti



Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui  e salva il contatto!

Change privacy settings