Trovato morto in casa un 65enne. I carabinieri avviano un’indagine

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Nel comune di Toro. Dalle prime ricostruzioni pare che l’uomo avesse delle ferite alla testa


CAMPOBASSO. Trovato morto in casa, i carabinieri indagano sulle cause del decesso di un uomo di 65 anni di Toro, Mario Miozzi, che questa mattina è stato ritrovato senza vita nella sua abitazione, nel centro del paese.

Ancora non sono chiare le cause della morte: dalle prime ricostruzioni pare che l’uomo avesse delle ferite alla testa. Il 65enne, molto conosciuto in paese, viveva da solo.

Oltre ai carabinieri sul posto sono arrivati i sanitari del 118, che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso, attribuito sembra a un arresto cardiocircolatorio. Sul caso potrebbe essere disposta l'autopsia, mentre i carabinieri stanno ricostruendo le ultime ore di vita dell'uomo. Anche per far luce su una lite nella quale il 65enne era rimasto coinvolto, della quale si parla in paese.

Determinante potrebbe essere anche l’accertamento dell’orario del decesso, se intorno alle 5 del mattino secondo quanto ipotizzato dai sanitari o ieri sera dopo la lite, come qualcuno ipotizza in paese.Il corpo dell’uomo è stato trovato questa mattina verso le 10, vestito e sotto una scala della cucina.

Come riferisce l’Ansa la porta era chiusa dall'interno, ma ai parenti dell'uomo diversi compaesani hanno riferito di un pestaggio che sarebbe avvenuto ieri sera vicino ad un bar del centro abitato. Il proprietario del bar ha minimizzato sulle voci di una lite furibonda e ha parlato di una "banale discussione rientrata in pochi minuti". Ma altre persone hanno riferito agli stessi familiari dell'uomo di un pestaggio e di una caduta, di un vetro rotto. I parenti vogliono ora vederci chiaro soprattutto dopo aver raccolto le testimonianze dagli abitanti. Per il momento, tuttavia, non ci sono ipotesi di reato.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings