'Che fine ha fatto il mio io?', spettacolo teatrale con Francesco Paolantoni

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
[caption id="attachment_14790" align="alignleft" width="213"]Francesco Paolantoni Francesco Paolantoni[/caption]

E' giunta al sesto appuntamento la stagione teatrale dell'Auditorium "Unità d'Italia" di Isernia. L'organizzazione, affidata alla Stage Eventi, ha voluto impreziosire il cartellone, che finora ha riscosso unanimi consensi da parte del pubblico, inserendo un evento fuori abbonamento. "Che fine ha fatto il mio io?" è il titolo dello spettacolo in programma questa sera alle ore 21 e che negli ultimi anni è stato portato in scena nelle principali città del Paese, divertendo le diverse platee. Sul palcoscenico del grande teatro isernino si esibirà il brillante comico Francesco Paolantoni, autore e regista, oltre che interprete, della commedia. "L'attore - si legge in un comunicato di Stage Eventi - ha voluto descrivere in maniera dissacrante la crisi di mezza età vissuta dal personaggio principale, dando vita ad uno spettacolo esilarante che offre al pubblico un ruolo attivo nella serata. Arrivato alla soglia dei 50 anni il protagonista - continua la nota di presentazione dello spettacolo - vive un momento di smarrimento e tenta di superarlo sottoponendosi ad improbabili cure. Paolantoni va alla ricerca del proprio io, coinvolgendo gli spettatori con le sue manie nevrotiche e grazie al supporto di uno psicoterapeuta, interpretato da Arduino Speranza. Ogni sera gli attori diventano artefici di una sorta di "pubblico - terapia", tanto che le reazioni delle persone in sala diventano parte integrante di uno spettacolo in continuo divenire". Gli abbonati potranno usufruire del posto già riservato prenotando il proprio ticket. Il prossimo appuntamento della stagione è previsto per sabato 20 aprile, quando ad Isernia arriveranno il noto cantautore napoletano Enzo Gragnaniello e il direttore artistico Bruno Colella con lo spettacolo dal titolo "L'erba cattiva non muore mai".