‘Fiera delle cipolle’, novità in programma per la nuova edizione

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


ISERNIA. Tutto pronto per l'annuale edizione della Fiera di San Pietro, detta "delle cipolle", una delle tradizioni più remote e caratteristiche di Isernia, di cui si ha per la prima volta menzione in un diploma pergamenaceo di Rogerius, conte del Molise, datato 19 ottobre 1254. La fiera, però, già esisteva da numerosi secoli, essendo collegata alla ricorrenza di San Pietro Apostolo, titolare della cattedrale di Isernia, il cui culto locale risale ai primissimi tempi del Cristianesimo. Si tratta, quindi, d'una delle fiere più antiche d'Italia e in assoluto la più antica del Molise. La manifestazione fieristica avrà luogo, come da tradizione, nei giorni 28 e 29 giugno. L'assessore comunale alle attività produttive, Roberto Di Baggio, annuncia alcune novità.
«Per dare seguito alle numerose richieste pervenute al Comune da parte degli espositori e degli ambulanti – ha dichiarato Di Baggio – abbiamo deciso di ampliare le aree fieristiche. Oltre a quelle consuete utilizzate in questi ultimi anni, utilizzeremo piazza Michelangelo, destinata ai prodotti tipici e alle cipolle, ed anche via Lombardia e via Abruzzo; in quest'ultima sarà allestito un mercatino dell'antiquariato. Inoltre, via Giovanni XXIII sarà riservata alla fiera per l'intero suo sviluppo, ossia fino al ponte della ferrovia. L'edizione 2015 della fiera delle cipolle – ha concluso l'assessore – si preannuncia come una delle più importanti di sempre; contiamo, infatti, d'arrivare a quota trecento espositori».
Alla fiera sono collegati altri eventi, secondo un programma variegato e piuttosto nutrito, del quale si daranno i dettagli nel corso d'una conferenza stampa che sarà convocata la prossima settimana.

Change privacy settings