Nolite timere', il film su San Pietro Celestino all'auditorium

Nolite timere', il film su San Pietro Celestino all'auditorium

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Appuntamento alle ore 21, alla presenza del regista Giuseppe Tandoi. L'opera riconosciuta film di interesse culturale e nazionale dal ministero per i Beni e le attività culturali


ISERNIA. Nell'ambito delle celebrazioni conclusive dell'Anno giubilare celestiniano, la diocesi di Isernia-Venafro invita tutti alla proiezione del film su San Pietro Celestino intitolato 'Nolite timere'.
del regista Giuseppe Tandoi, che si terrà domani, 3 luglio, alle ore 2, all'auditorium 'Unità d'Italia' di Isernia. Parteciperà il regista, che presenterà la sua opera e sarà disponibile anche per un dibattito e per eventuali approfondimenti. L'ingresso sarà gratuito. L'opera cinematografica, creatura del giovane regista Tandoi, realizzata con il contributo del ministero per i Beni e le Attività culturali, che lo ha riconosciuto film di interesse culturale e nazionale, assieme alla collaborazione della Regione Abruzzo e patrocinato dal Comune dell'Aquila, restituisce la sfaccettatura umana poco conosciuta di Pietro del Morrone. Con un suggestivo apparato documentario sui luoghi celestiniani, tra i quali spiccano gli eremi abruzzesi sulla Maiella e sul Morrone, situati in contesti ambientali mozzafiato, il film si completa con la parte fiction che intreccia il racconto della figura del monaco Pietro Angelerio con le storie di tre testimoni del processo di canonizzazione, iniziato il 13 maggio 1306 su disposizione di papa Clemente V e conclusosi il 5 maggio 1313 con l'elevazione agli altari di San Pietro Celestino.
'Nolite timere' vuole dunque intrecciare l'analisi delle parole riportate dai testimoni del processo con la testimonianza vera e propria, fino ad arrivare alla sintesi del messaggio spirituale di Pietro del Morrone. Un messaggio universale di riconciliazione, di perdono e di pace che poi fu proprio del magistero celestiniano. Le scene sono state girate in Abruzzo, Molise, Lazio e Umbria.

Privacy Policy