Amici della Musica, emozioni per il concerto dell’Orchestra sinfonica abruzzese

Amici della Musica, emozioni per il concerto dell’Orchestra sinfonica abruzzese

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Successo per l'apertura della 48^ stagione al Teatro Savoia di Campobasso


CAMPOBASSO. Cominciamo dal secondo movimento del Concerto n. 5 op. 73 di Beethoven, l'Adagio un poco mosso. L'orchestra sinfonica abruzzese si muove con accorta morbidezza. I timbri sono tutti riconoscibili e tutti amalgamati in un impasto sonoro che arriva al pubblico con efficacia davvero importante.
Merito dei musicisti, certo, e di un direttore, Marcello Bufalini, capace di condividere - si vede persino da come prende e redistribuisce gli applausi - l'interpretazione dello spartito con tutti i musicisti che seguono il suo gesto.

Alessandro Taverna si immette nel canale sonoro creato da Bufalini e dalla sua orchestra con un pianismo elegante e preciso, tecnico ed emozionante. Nonostante la giovane età, l'interpretazione di Taverna è matura e profonda, restituisce al pubblico la cantabilità e la dolcezza del movimento. Così come nell'intenzione del compositore, il pianoforte si fonde all'orchestra che accompagna il tema esposto per poi esporlo da protagonista, mentre il pianoforte accompagna in acuto. Tutto ciò con una compenetrazione di suoni che sa di collaborazione tra musicisti voluta e trovata.

Il riuscito lavoro di interpretazione, evidenziato qui nell'esempio dell'Adagio un poco mosso, si è notato in tutto il concerto. Nell'esecuzione della Sinfonia in mi bemolle maggiore "Rullo di timpani" e negli altri due movimenti della composizione beethoveniana.

piero niro andreina di girolamo passaggio di testimone alla direzione artisticaUn concerto riuscito e molto apprezzato dal pubblico, attento e numeroso, che ha affollato il Teatro Savoia per l'apertura della 48^ stagione degli Amici della Musica di Campobasso.
Soddisfatto, dunque, il nuovo direttore artistico Andreina Di Girolamo (nella foto) che, in apertura di serata, ha voluto ringraziare i collaboratori e il direttore artistico a cui subentra, Piero Niro, per gli undici anni di impegno serio e di scelte di qualità.

 

Privacy Policy