Il Molise celebrato in un libro, in uscita: “La strada da fare – in cammino nella regione che (non) c’è”

Il Molise celebrato in un libro, in uscita: “La strada da fare – in cammino nella regione che (non) c’è”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il racconto di viaggio di due ragazze torinesi alla scoperta di questa terra, dei suoi paesaggi e dei suoi abitanti


CAMPOBASSO. Dal 13 luglio in libreria: “La strada da fare – in cammino nella regione che (non) c’è”. Il libro, edito dalla Neo Edizioni di Castel di Sangro, racconta il viaggio di due ragazze torinesi in una terra magnifica e dimenticata, col solo intento di “camminarla”. Un viaggio a piedi nella regione che (non) c’è, per definirla, raccontarla, darle volti, dimensioni, odori e sapori. Il primo scritto del genere sul Molise e i suoi abitanti, in un racconto magico e avvincente.

LIbro ragazze in viaggioLe due giovani hanno deciso di partire da Torino e di andare a scoprire un luogo per loro – e per molti – sconosciuto. Hanno intrapreso un’avventura, durata un mese, e lo hanno fatto a piedi, perché la strada si misura con il ritmo lento dei passi, perdendosi tra sentieri e tratturi dimenticati, ricevendo ospitalità da chi di quel viaggio ha voluto far parte. E così questa terra misteriosa si è popolata di nomi, di amici, di storie, e ha acquistato una consistenza che è negli occhi, negli incontri, nei chilometri percorsi, prima ancora che su una cartina geografica. A guidarle, i piedi che tracciano la via, e la libertà di percorrere senza meta una regione sorprendente, conoscendo chi la vive. La voce di Maria Clara, la scrittrice, racconta questo viaggio con la cadenza degli spazi sconfinati e dei paesi abbarbicati, delle colline, delle valli, del mare con i suoi trabocchi. Usa il “noi” perché lei e Giulia (l’amica) viaggiano insieme. E noi con loro. Il libro prende il via dal seguitissimo progetto nato sui social, dal nome Due Passi in Molise – A piedi nella regione che non c'è.

L’autrice del libro è appunto Maria Clara Restivo, una siculo-emiliana che vive a Torino. Con l'Associazione “E.le.Menti” scrive storie per bambini e poi le racconta ad alta voce. Da diversi anni collabora con la Scuola Holden dove insegna storytelling. Quando può cammina e, da qualche anno, le piace raccontare il profumo che il viaggio le lascia addosso. Insieme a Giulia Rabozzi, sua compagna di strada, sono nati i blog ‘Due passi in Molise’ e ‘Due passi sull'Appia Antica’ e, insieme, continuano a camminare, raccogliendo i loro passi su www.duepassialtrove.it

 

Privacy Policy