Massimo Ranieri riscalda l’inverno isernino con la sua voce

Massimo Ranieri riscalda l’inverno isernino con la sua voce

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

L’artista partenopeo apre col botto la stagione teatrale dell’auditorium con uno spettacolo che lascia letteralmente a bocca aperta


ISERNIA. Uno sgabello nero di pelle con un microfono poggiato sopra, mentre echeggiano nella sala le ultime note di Anema e core accompagnate da scroscianti applausi. Così l’immenso Massimo Ranieri ha salutato Isernia, dopo le due ore dello spettacolo ‘Sogno e son desto’ in cui ha ripercorso assieme al caloroso pubblico – un sold out praticamente annunciato – la sua carriera pluridecennale.

Non solo: tra canzone tradizionale napoletana, macchiette teatrali e i classici del suo repertorio, l’artista partenopeo accompagna gli ascoltatori in un viaggio attraverso la sua storia personale, che inizia come piccolo ‘scugnizzo’ in via Caracciolo e prosegue sui palchi di mezzo mondo. Cantante, attore e ballerino, Ranieri sul palco è incontenibile: tessitore di emozioni esperto, con pochi gesti mirati è in grado di trascinarci tutti nel suo piccolo grande mondo, fatto di musica e parole. E soprattutto di sogni rivolti alle stelle ma fatti con consapevolezza, come lui stesso ricorda spiegando la genesi dello spettacolo prima di intonare O marinariello, dimostrando che 67 anni sono solo un numero. Coinvolgente la sua reinterpretazione di Je so pazz, dedicata all’amico Pino Daniele; toccante – e di grande attualità – l’esecuzione di Quel che si dice, a metà tra pezzo teatrale, canzone e poesia. Ad un certo punto c’è perfino spazio per Shakespeare, su quel palco.

Ma dove la platea si scioglie davvero è sui grandi classici: Rose Rosse, Erba di casa mia, e l’immortale Perdere l’amore hanno letteralmente fatto venire giù il teatro. Ranieri sceglie di dare a ogni canzone una storia e di metterla in scena, non solo di eseguire il brano ma di creare un ‘fil rouge’ emotivo, complice la sua favolosa verve attoriale e la straordinaria band che lo accompagna.

Per iniziare al meglio la stagione 2018 in auditorium, Isernia non poteva davvero scegliere di meglio.

PR

 Unisciti al nostro gruppo Whatsapp per restare aggiornato in tempo reale: manda ISCRIVIMI al numero 3288234063

Privacy Policy