‘Girotondo’: la solidarietà porta in dono il parco giochi inclusivo

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Presentata, nella sala Giunta del Comune di Campobasso, la serata organizzata dal Rotary, in collaborazione con l’Associazione Talenti Molisani, per raccogliere i fondi necessari alla realizzazione del progetto dedicato a tutti i bambini


CAMPOBASSO. Un girotondo simbolico che però diventa concreto quando unisce uomini, associazioni, istituzioni e bambini.

Si chiama così perché rimanda, nell’immaginario di chi lo ha proposto, il simbolo del Rotary ma è anche il nome della manifestazione benefica che si terrà il 30 novembre prossimo, nell’aula magna dell’Università del Molise.

L’idea del Rotary - con il suo presidente che ha deciso di puntare ad un obiettivo concreto per il suo ‘anno rotariano’ - è 'speciale': dotare il parco cittadino, la storica Villa de Capoa, di un parco giochi inclusivo. Che vuole dire senza barriere, né architettoniche né psicologiche.

Un progetto sposato in pieno dall’Amministrazione comunale e dall’associazione che unisce i talenti molisani: è questo il girotondo che presto farà felici tutti i bambini, senza diversità.

Realizzare il parco giochi inclusivo costerà 50mila euro ma dal Rotary di Campobasso - dove ognuno ha messo il suo sapere, l’impegno, le risorse e la voglia di concretizzare questo progetto importante – contano di farcela con i 20mila euro che raccoglieranno entro dicembre, con la vendita dei tagliandi per partecipare alla serata del 30 novembre (ingresso con contributo libero, i biglietti saranno in vendita dal 24 novembre presso il Circolo Sannitico) e con le altre iniziative che coinvolgeranno i rotariani nei prossimi mesi, compreso il super torneo di burraco che stanno già organizzando.

girotondo

Il parco giochi inclusivo quindi sarà il risultato di una sinergia di azioni positive e di un forte afflato di solidarietà che ha unito il Rotary, il Comune di Campobasso, l’Associazione Talenti Molisani, il CdH (Centro documentazione handicap) e il Cnis (Coordinamento nazionale insegnanti specializzati), oltre al contributo dei tanti sponsor che hanno raccolto l'invito.

Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa, è stato illustrato sia il progetto la cui fase istruttoria è terminata (della progettazione si sono occupati due soci e i lavori saranno realizzati da un altro socio imprenditore) sia l’organizzazione della serata evento che consentirà di raccogliere i fondi per portare a termine l’obiettivo del presidente Giovanni Palange.

“Nel mio anno rotariano si parla di Molise e di molisani, - ha spiegato - per questo ho coinvolto fin da subito Michele Falcione dell’Associazione Talenti Molisani. E gli artisti, che sono talentuosi e solidali, hanno detto subito di sì”. Sul palco dell’aula magna dell’Unimol ci saranno Piero Ricci, Maurizio Santilli, il Coro Jubilate, Serena Minicucci, Paola Mariano e Vittorio del Cioppo.

Ognuno con il suo talento, messo a disposizione di un gioco di squadra che porterà ad un risultato davvero speciale.

Il sindaco di Campobasso non può che condividere lo spirito dell’iniziativa, la solidarietà che uomini e donne fanno diventare concreta, come in questo caso. “Il calendario di questo nostro speciale dicembre – ha spiegato Antonio Battista – sarà ancora più ricco grazie a tutti quelli che hanno appoggiato l'iniziativa che consentirà di recuperare il parco giochi della nostra villa”.


La serata “Girotondo” apre la tre giorni di eventi dedicati al maestro Di Zinno, altro talento molisano che ha regalato alla sua città la magia dei Misteri. E all’interno di questo prezioso momento di festa e di celebrazioni, “il valore di finanziare un’opera pubblica per bambini è ancora più importante” ha spiegato Antonio Battista.

Affidarsi ai talenti molisani è motivo di orgoglio, per il Rotary e per l’Amministrazione che li coinvolgerà anche nei festeggiamenti di inizio dicembre. Non solo, si lascia scappare il sindaco: ci saranno anche artisti nazionali che porteranno Campobasso fuori dai confini regionali ma al momento è tutto 'top secret'.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’assessore alla Cultura, Lidia De Benedittis, che ha rimarcato l’importanza che riveste il talento quando resta, cresce e si diffonde nella terra natia. “Non posso che ringraziare il Rotary, il Rotaract e l’associazione per questo progetto che si realizza e che sarà dei cittadini perché è tutto opera loro”.

I talenti molisani sono ‘coordinati’ da Michele Falcione che non si sottrae mai quando c’è da dare una mano. “Sarà una serata speciale, perché l’obiettivo è speciale – spiega – e il filo conduttore sarà mettere in risalto i nostri talenti attraverso un percorso che parla di inclusione, di diritti, di giustizia. Un evento al quale non si può mancare: per questo invitiamo tutti a prendere posto e ad assistere alla magia di uno spettacolo che poi regalerà un dono speciale alla città e ai bambini. E quando il parco giochi sarà terminato, noi vorremmo esserci - dice rivolto al sindaco, all'assessore e al presidente del Rotary Campobasso - . Contate sempre su di noi”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings