Il 'Progetto Gaia' entra nell’Istituto Comprensivo San Giovanni Bosco

Il 'Progetto Gaia' entra nell’Istituto Comprensivo San Giovanni Bosco

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Un nuovo paradigma educativo


di Marilena Ferrante

“Gaia è l’antico nome greco della Dea Terra ed è anche il nome dell’Ipotesi Gaia, la teoria che ha dimostrato scientificamente che la Terra è un gigantesco organismo vivente, dotato in qualche modo di consapevolezza, che si auto-organizza in modo intelligente come una rete di relazioni cooperative e co-evolutive tra tutti gli esseri viventi”.    

L’Istituto Comprensivo “San Giovanni Bosco” ha aperto le porte al Progetto Gaia, programma di sviluppo della consapevolezza Globale di Sé stessi e del Pianeta e di Promozione della Salute Psicosomatica secondo le direttive dell’Oms, approvato e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, accreditato dal MIUR Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e in collaborazione con la Federazione Italiana Centri e Club Unesco.

Il “Progetto Gaia “è un programma di educazione alla consapevolezza e alla salute di Sé e del Pianeta sviluppato per rispondere alle necessita educative di una società sempre più globale, espresse nellle direttive dell’Agenda 2030 delle Nazioni unite, presenti nell’Obiettico 5 per la “riduzione delle differenze di genere”, nell’Obiettivo 3 per la “promozione della salute e del benessere per tutti e per tutte le età” in accordo con le direttive dell’Oms, nell’obiettivo 4, per un’”educazione di alta qualità” in accordo con le direttive dell’Unesco, l’agenzia delel Nazioni Unite per l’Educazione , la Scienza e la Cultura, allo scopo di “ diffondere valori, consapevolezze, stili di vita orientali per il prossimo e per il Pianeta.

LOMS ha da tempo lanciato l’allarme sull’aumento della diffusione delle malattie psicosomatiche al punto che fra dieci anni malesseri come lo stress, l’ansia e la depressione potrebbero trovarsi al secondo posto sulla lista dei mali più diffusi.

E’ stato documentato un aumento dello stress, della depressione e del malessere psicofisico anche negli adolescenti ( dati Health for the World’s Adolescent International Survey), e nei bambini ( dati Emergenza Italia-Telefono Azzurro 2012), e anche un incremento della violenza famigliare e di genere , in particolare sulle donne e sulle giovani ( dati Eures, 2014).

Riguardo ai giovani in età scolastica, i dati nazionali evidenziano reali problemi relativi all’abbandono scolastico”, al “bullismo”, alla “differenza di genere” e alla “violenza fisica e psicologica a bambine e ragazze, le cui radici devono essere ricercate nelle situazioni di stress, malessere sociale, famigliare ed economico di una società in rapida globalizzazione.

D’altra parte anche nelle “Indicazioni Nazionali per il Curriculo dell’Infanzia e del Primo ciclo di Istruzione” del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, si cita un “ Nuovo Umanesimo” di Irina Bokova e la necessità di una consapevolezza e cittadinanza globale, dove si evidenzia che “ La scuola può e deve educare a questa consapevolezza”, per “ Imparare ad essere”.

Sempre nel documento ministeriale si invita a sviluppare programmi educativi capaci di “fornire strumenti teorici ed esperenziali agli studenti di ogni età al fine di sviluppare competenze che permettano la realizzazione di una società globale” e a facilitare “ L’elaborazione dei saperi necessari per comprendere l’attuale condizione dell’uomo planetario. Premessa indispensabile per l’esercizio consapevole di una cittadinanza nazionale, europea e planetaria”.

Queste e tante altre le motivazioni pedagogiche, scientifiche e psicologiche che hanno indotto la Dott.ssa Mariella Di Sanza , Preside della scuola isernina , sempre attenta e aperta alle innovazioni volte al miglioramento della pratica educativa e didattica, ad accogliere il Progetto Gaia nella realtà educante.

Gli alunni della Scuola secondaria di 1° grado / Istituto Comprensivo San Giovanni Bosco, sono stati coinvolti in incontri periodici con il sociologo Dott. Palmerino Capaldi e il suo staff, finalizzati alla conoscenza e alla applicazione del “ Progetto Gaia”, avanzato programma didattico che pone al centro del processo educativo lo sviluppo di una nuova consapevolezza globale di se stessi e del pianeta, un progetto basato sulle più aggiornate conoscenze scientifiche, mediche e psicologiche al fine di permettere ad ogni persona di partecipare alle grandi sfide e opportunità del nostro tempo e contribuire attivamente alla realizzazione di una nuova società globale.

Referente del progetto la professoressa Marilena Ferrante.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy