Paleolitico, la visita di due giorni del ‘dentino’ per San Pietro Celestino

Paleolitico, la visita di due giorni del ‘dentino’ per San Pietro Celestino Paleolitico, la visita di due giorni del ‘dentino’ per San Pietro Celestino
Watch the video

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Apertura straordinaria per il museo del sito La Pineta in occasione del ritorno di quest’importantissimo reperto. E Ventura specifica: non c’è scontro tra le istituzioni, stiamo lavorando insieme per un nuovo progetto di allestimento. GUARDA LA VIDEOINTERVISTA


ISERNIA. Oggi e domani il Museo nazionale del Paleolitico di Isernia celebra il ritorno del suo ospite più importante: il dentino del ‘Bimbo’ preistorico, scoperta eccezionale a livello mondiale, sarà visitabile gratuitamente in occasione della festa di San Pietro Celestino. Occasione opportuna anche per illustrare al pubblico quali sono le novità previste per il rilancio del sito, imperniate proprio sulla figura del ‘Bimbo’ e ideate di concerto tra il Comune e il Mibac.

Spazio dunque questa mattina all’incontro ‘Scopriamo il nostro museo’, dove il direttore del Polo museale del Molise, professor Leandro Ventura, e il sindaco di Isernia Giacomo d’Apollonio hanno illustrato le iniziative per il sito e i progetti in corso a cura dell’architetto Pierangelo Izzo.

“Il nostro territorio è fortunato ad avere un reperto così importante, ma è tutto il sito ad avere grandissima importanza. Attorno a questa unicità si possono creare tanti eventi, un volano di sviluppo e un ritorno positivo che questo evento può dare, anche grazie al rinnovato impegno con il Mibac e con il nuovo direttore, che ringrazio per i contatti che ha con noi come amministrazione. Siamo felici di dare tutto il supporto possibile sperando in un futuro migliore”, ha commentato d’Apollonio.

GUARDA LA VIDEOINTERVISTA AL SINDACO

 

Un esempio virtuoso di collaborazione istituzionale, che è poi il vero motivo per il quale il dentino non è stabilmente visitabile nel polo isernino. “È stato esposto in un paio di occasioni – ha commentato Ventura – ma stiamo lavorando a questo progetto di allestimento e di racconto. Chiaramente, sono progetti che non si possono realizzare in pochi mesi, prevedono una fase realizzativa piuttosto complessa e l’intervento di artisti e persone che hanno competenze e capacità particolari che abbiamo prima dovuto individuare. Purtroppo – ha chiosato il direttore – chi lancia voci al vento, minacciando chissà quali disinteressi o affari strani attorno a questo museo, ne parla in maniera poco informata: il lavoro lo stiamo facendo in maniera molto seria, quindi i risultati si vedranno. Bisogna solo avere un po’ di pazienza”.

Nel pomeriggio spazio all’evento ‘Scopriamo il nostro ‘dentino’’, con i laboratori dei ragazzi dell’Isis Majorana-Fascitelli e il percorso in realtà aumentata da loro realizzato, che esplora la storia di Isernia fino alla globalizzazione. Inoltre, sono previsti gli interventi della nuova direttrice del Museo Enza Zullo, della docente Unimol professoressa Antonella Minelli e della dottoressa Annarosa Di Nucci. Il dentino resterà in esposizione anche nella giornata del 19 maggio: l’ingresso al polo museale sarà completamente gratuito sia oggi che domani. Occasione d'oro per visitare la struttura e vedere un reperto unico.

Pietro Ranieri

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings