A Isernia una rievocazione storica dedicata a ‘Celestino uomo di pace’

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Il progetto è stato presentato questa mattina e ha l’obiettivo di valorizzare la figura del Papa Santo e consentire alla città di riappropriarsi di una figura importante per la storia d’Italia



ISERNIA. ‘Celestino uomo di Pace’: è questo il nome scelto per il progetto che prevede una serie di iniziative incentrate sulla figura di San Pietro Celestino. Evento clou sarà la rievocazione storica con figuranti in costumi d’epoca, che narrerà l’episodio dell’arrivo e della permanenza del Papa isernino nella sua città il 14 e 15 ottobre 1294.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina in conferenza stampa nella Sala delle Colonne dell’ex seminario vescovile. All’incontro con i giornalisti hanno partecipato il vescovo Camillo Cibotti, il sindaco Giacomo d’Apollonio, l’assessore comunale Eugenio Kniahynicki, la rappresentante del Rotary club Emilia Vitullo, il presidente della Proloco Michele Freda e lo storiografo Fernando Cefalogli.

“Il progetto – ha spiegato Eugenio Kniahynicki - prenderà vita il 14 e 15 ottobre e sarà incentrato sulla figura di San Pietro Celestino, compatrono della città. San Pietro Celestino, per acclamazione, è diventato nostro Patrono. Poi la sua figura, nel corso degli anni è stata un po’ dimenticata, diventando per certi versi comprimaria. Per noi è fondamentale che la città si riappropri di questa figura così importante per la storia d’Italia. Il progetto fu curato qualche anno fa dal Rotary club di Isernia.

Quest’anno, la Pro Loco se ne è ‘appropriata’ per presentarlo al bando regionale ‘Turismo è cultura’ per avere un cofinanziamento regionale e comunale, affinché si possa realizzare una due giorni, o addirittura tre, di eventi incentrati sulla figura di San Pietro Celestino. L’idea è quella di realizzare un percorso Celestiniano lungo il tratturo ‘Pescasseroli-Candela’ per la sua riscoperta. Un’altra giornata sarà dedicata a convegni e dibattiti sul tema del ‘Papa Santo’ e del ‘Portatore di Pace’. Il terzo giorno verrà realizzata una rievocazione storica incentrata sul ritorno del ‘Papa Santo’ a Isernia. Teniamo particolarmente al coinvolgimento della cittadinanza. Abbiamo già incontrato diverse associazioni, cominciando a lavorare ai progetti. Crediamo molto in questa iniziativa, perché siamo convinti che la figura di San Pietro Celestino per Isernia sia importante e fondamentale, una tradizione da riproporre alla cittadinanza perché se ne possa riappropriare”.

Per il vescovo Cibotti si tratta di “un modo per rivitalizzare questa festa. Sembra quasi – ha affermato - che il Santo Patrono sia mortificato, perché non è sentito come ad esempio accade a Venafro per i Santi Nicandro, Marciano e Daria. E’ importante per la città l’identificazione con il Patrono. Per questo è importante anche lo sforzo della Chiesa e del Comune di dare lustro, organizzando iniziative che possano fare di questo momento un evento cittadino e, più in generale, molisano. Mi auguro – ha concluso - che queste iniziative possano contribuire a rivalutare questo personaggio”.

Deb.Div.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings