Tutto pronto per la terza edizione della manifestazione itinerante ‘Rocciamorgia’

Tutto pronto per la terza edizione della manifestazione itinerante ‘Rocciamorgia’

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il cartellone degli eventi verrà presentato lunedì 15 luglio e si svolgerà dal 18 al 21 luglio 2019 nei comuni di Salcito, Pietracupa, Sant’Angelo Limosano e Trivento



CAMPOBASSO. Lunedì 15 luglio, alle 15.30, presso la sala riunioni della Fondazione Molise Cultura al palazzo ex Gil, si terrà a Campobasso la conferenza stampa di presentazione della terza edizione della manifestazione itinerante ‘Rocciamorgia. Il Molise di Mezzo tra Arti e Cultura’ organizzata dall’associazione culturale ‘Il Molise di Mezzo’.

Alla presentazione interverranno il direttore del festival Antonio Seibusi, i sindaci dei comuni di Salcito, Pietracupa, Sant’Angelo Limosano e Trivento, e in rappresentanza dell’Università Roma Tre - partner della manifestazione - la professoressa Fridanna Maricchiolo. Sarà presente l’Assessore regionale Vincenzo Cotugno in quanto la manifestazione rientra tra gli eventi di ‘Molise è Cultura’, programma finanziato dalla Regione. 

Il festival, che quest’anno avrà come tema conduttore i ‘Movimenti’, si svolgerà dal 18 al 21 luglio 2019 nei comuni di Salcito, Pietracupa, Sant’Angelo Limosano e Trivento.
Nei quattro giorni della manifestazione interverranno scrittori, poeti, attori, musicisti, street artist, docenti, giornalisti e amministratori. ‘Rocciamorgia’ è una manifestazione promossa dall’associazione di promozione sociale e culturale “Il Molise di Mezzo” che, per il terzo anno consecutivo, si svolgerà nei territori dei comuni di Salcito, Pietracupa Sant’Angelo Limosano e Trivento dal 18 al 21 luglio 2019, durante la quale i luoghi saranno protagonisti e attrazione di momenti di espressione artistica e riflessione scientifica, politica e sociale. L’evento è patrocinato da quattro Comuni, dal Centro di Ricerca per le Aree interne e gli Appennini (ArIA) dell’Università del Molise, l’Ordine dei geologi del Molise, e in collaborazione con il Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università di Roma Tre. L’idea è quella di partire proprio dalla geografia, geologia e orografia dei luoghi. Per questo motivo è stato scelto il riferimento alla morgia. Le morge sono spuntoni di roccia emersi dalle formazioni sedimentarie di cui questa parte del territorio è costituito. Si possono ammirare e sono facilmente riconoscibili tra le valli e le colline. Morgia è luogo e metafora, in quanto ‘roccia’, ed è riconoscimento geografico ben preciso di queste campagne. Rappresenta dunque l’ancoraggio solido della cultura e dell’identità di questi luoghi, legata alla terra e ai suoi doni, ma anche roccia salda e imponente che può essere osservata e avvistata da diverse parti delle colline che la circondano e che dona riconoscibilità e distinguibilità al territorio. È simbolo quindi di solidità di valori ambientali e di stabilità e forza sociale da anelare e raggiungere.

La manifestazione intende dunque mostrare e rafforzare l’identità locale portando alla luce la sua cultura attraverso il linguaggio artistico, culturale e politico, raccolto anche da voci esterne ad essa, ma capaci di ancorarsi alle voci locali, in un’unica voce che è quella delle comunità e dei territori che vivono i luoghi di mezzo. Protagonista sarà l’espressione artistica nelle diverse discipline di arte: arti figurative, performance musicali, recitazioni, poesia e racconti. L’intento è quello di dar consapevolezza di questi luoghi a chi li abita, e farli conoscere, attraverso il richiamo delle arti e della cultura, a chi verrà per partecipare alla manifestazione. L'obiettivo è di valorizzare le risorse interne e portare in Molise forze esterne che stimolino le energie migliori del territorio attraverso momenti di riflessione, di cultura e performance artistiche. Le finalità del progetto sono l’approfondimento e l’analisi scientifica e sociale per il rilancio culturale, turistico ed economico dei territori e lo stimolo alla consapevolezza dell’identità locale di aree interne e piccole comunità.

Sono previsti momenti di promozione delle produzioni locali.

Privacy Policy