Successo per il congresso regionale di Proteo Fare Sapere “La scuola al bivio: Mercato o democrazia"

Successo per il congresso regionale di Proteo Fare Sapere “La scuola al bivio: Mercato o democrazia"

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

I lavori sono stati aperti dalla vice presidente Maria Citro che ha salutato l’assemblea


di Marilena Ferrante

Il giorno 3 settembre 2019 , presso la sede regionale della FLC CGIl Molise, alle ore 11,00, si è tenuto il Congresso regionale di Proteo Fare Molise con elezione degli organismi dirigenti.

I lavori sono stati aperti dalla vice presidente Maria Citro che ha salutato l’assemblea introducendo i lavori.

Sergio Sorella, Presidente Nazionale di Proteo Fare Sapere, ha fatto il punto della situazione sulle tante iniziative realizzate da Proteo Fare Sapere Molise negli anni 2015/2019, dalla formazione dei neoassunti, ai fondi sociali europei per la scuola, ai seminari sulle figure storiche che hanno rivestito un ruolo importante e significativo nella storia della nostra società e della nostra cultura come l’incontro dedicato alla figura di Don Milani realizzato a Isernia e a Termoli con l’incontro con le scuole delle città , incontri con laboratori didattici sulle figure di Aldo Moro e Primo Levi.

Si è soffermato sulla professionalità docente e la formazione in servizio ponendo l’accento sul contenuto della Raccomandazione del Consiglio d’Europa 22 maggio 2018, sul comma 124 della Legge 107 che disciplina la formazione in servizio, sul Piano nazionale della formazione docente e il Portfolio delle competenze.

“ Dobbiamo proseguire nelle nostre attività di formazione – ha dichiarato Sorella- garantendo un profilo professionale sempre più qualificato per una scuola di qualità . L’orizzonte dell’Associazione Proteo Fare Sapere è quello di una politica che guardi alla professionalità, nell’ottica di una educazione permanente come diritto-dovere universale ( reinterpretando e attuando lo stesso art. 3 della Costituzione) che deve rappresentare il pilastro portante di ogni serio progetto relativo all’istruzione, alla formazione, ad una pedagogia di massa che non trova più risposte adeguate nelle tradizionali agenzie formative e nella stessa famiglia. E’ necessario mettere in discussione un certo ordine gerarchico dei saperi disciplinari, ridefinirne le epistemologie e ricomprenderli nella prospettiva di un “umanesimo possibile” per il XXI secolo”.

E’ poi intervenuto il segretario regionale della Flc Cgil Pino La Fratta che ha fatto alcune osservazioni sulla situazione politico sindacale attuale facendo riferimento ai nodi spinosi dell’autonomia differenziata, delle modifiche sull’esame di stato, del reclutamento dei docenti , del contratto scaduto , dell’incertezza della politica nazionale e lamentando l’immobilità del Consiglio regionale in materia di istruzione.

Ha ribadito quanto sia utile e necessario la coniugazione della formazione di Proteo Fare Sapere Molise e la funzione della Flc Cgil , come ponte per arrivare alla delineazione di una formazione di qualità per una scuola di qualità.

Si è passato poi all’elezione degli organismi dirigenti.   

L’assemblea congressuale ha votato all’unanimità Marilena Ferrante, Presidente di Proteo Fare Sapere Molise e vice presidente, Antonietta Pellegrino e Michele Pucacco.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy