Nasce Italy War Route, per fare rete tra i musei nazionali

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ne dà notizia l'associazione Winterline di Venafro. Nel progetto anche il Museo del Corpo Italiano di Liberazione di Scapoli


VENAFRO/SCAPOLI. Dopo mesi di lavoro e dedizione nonostante il difficile periodo in cui molte attività, specialmente quelle del settore turistico e museale, si sono dovute fermare, c’è chi ha sfruttato al meglio il tempo attivandosi per ampliare l’offerta informativa e formativa turistica; dalla volontà di collaborare e fare rete, delle maggiori realtà associative e museali operanti in Italia nella ricerca e nella divulgazione storica relativa alla Campagna d'Italia, prende ufficialmente vita l'Italy War Route. Un progetto che ha, come obiettivo comune, quello di promuovere i luoghi della memoria nelle regioni coinvolte dal secondo conflitto mondiale al fine di ampliare l'offerta culturale e turistica e la divulgazione della memoria storica dei valori universali di pace, libertà e democrazia nelle nuove generazioni.

Il primo atto concreto è la realizzazione e la diffusione della cartoguida Italy War Route, un nuovo prodotto editoriale promosso da nove Musei, centri della Memoria Storica degli eventi della Campagna d’Italia 1943/1945.

La cartoguida indirizza il visitatore alla scoperta delle esposizioni museali permanenti, le quali raccontano le vicissitudini di soldati e civili protagonisti nelle vicende belliche, mentre le escursioni nei territori di competenza dei musei permettono un approfondimento grazie alla guida di persone motivate dalla passione per la Storia. Una ampia sezione della cartoguida è dedicata ai fatti d’arme principali e ai cimiteri rimasti a memoria dell’enorme tributo di sangue.

Entusiasta il Sindaco di Scapoli Renato Sparacino, che vede il Comune da lui guidato parte del progetto con il Museo del Corpo Italiano di Liberazione: "Si corona così un percorso che viene da lontano, avviato ormai da qualche anno che vede Scapoli inserito in un grande progetto di respiro internazionale.  Un ringraziamento doveroso va al nostro amico Luciano Bucci e alla sua Associazione 'Winterline' di Venafro che ha creduto sin da subito a questo ambizioso progetto. Con i consistenti finanziamenti in arrivo dal Governo, contiamo di ampliare il Museo del Corpo Italiano di Liberazione 'Aldo Moro', così da renderlo ancor di più un punto di riferimento imprescindibile nel panorama delle iniziative museali e documentali riconducibili alla Seconda Guerra Mondiale. Aver avviato una collaborazione con delle realtà altrettanto importanti e di prestigio presenti nel territorio nazionale è sicuramente motivo di vanto e di orgoglio che esalta il ruolo chiave di Scapoli durante il conflitto. Ovviamente il nostro Museo sarà sempre aperto a tutte le analoghe iniziative regionali e non che puntano a creare una rete virtuosa della cultura e della memoria", chiosa Sparacino.

I soggetti promotori e realizzatori sono:
Museum of Operation Avalanche – Eboli (SA)
War Museum Gustav Line Gargliano Front – Castelforte (LT)
Museo Winterline Venafro – Venafro (IS)
Associazione Battaglia di Cassino Centro Studi e Ricerche – Cassino (FR)
Museo del Corpo Italiano di Liberazione – Scapoli (IS)
Museo Gotica Toscana – Scarperia (FI)
Centro di Ricerca e Documentazione Winter Line – Livergnano di Pianoro (BO)
Museo Memoriale della Libertà – Bologna (BO)
Museo della Seconda Guerra Mondiale del fiume Po – Sermide e Felonica (MN)
Museo Rover Joe – Fidenza (PR)

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!