Petacciato, la chiesa di San Rocco ha un nuovo portale: questa sera la benedizione del Vescovo De Luca

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La porta, realizzata in ferro e legno, è stata donata alla comunità dall’avvocato Gino Greco


PETACCIATO. Questa sera dalle ore 18.45 si terrà la cerimonia di benedizione della nuova porta della chiesa di San Rocco che sarà presieduta dal vescovo della diocesi di Termoli-Larino, Gianfranco De Luca. Alla celebrazione seguirà la Santa messa concelebrata con il parroco, don Mario Colavita

Ed è priorio quest'ultimo a  spiegare le caratteristiche della porta, realizzata da artigiani del posto in ferro e legno, grazie al gesto benefico dell'avvocato Gino Greco. 

"Già nell’antichità - dichiara don Mario Colavita - le porte erano segno di prestigio. Le porte della città, grandi, solenni, con fregi e disegni parlavano della grandezza e della forza dell’abitato, ed erano anche luoghi di incontri che permettevano di entrare e di uscire da uno spazio ad un altro.

A guardia delle porte di erano nelle antiche civiltà animali feroci a difesa, come delle protezioni contro coloro che volevano entrare con forza e violenza o volevano il male.

Nella bibbia troviamo più volte la citazione della porta della città con le mura per difesa. Salomone fece erigere diverse porte per Gerusalemme e anche per le altre città. Interessante è la porta detta a tenaglia di Meghiddo la mitica città a pochi chilometri da Nazaret in cui si svolgerà la battaglia finale tra il bene il male codificata nell’Apocalisse al capitolo 16. Nei libri biblici la porta della città era il luogo dove veniva amministrata la giustizia, dove si potevano incontrare uomini e donne, gli affari venivano conclusi alle porte delle città alla presenza dei testimoni.

Sappiamo, ad esempio che Gesù vicino la porta della città di Naim ha compiuto il miracolo della risurrezione del figlio di una povera vedova.

Per una chiesa la porta assume un valore simbolico bello e profondo. Se la porta mette in relazione tra un mondo esterno e uno spazio interno allora essa è un elemento importante. La porta per-mette (ci mette) all’interno di spazio che noi desideriamo vivere.

Nel vangelo di Giovanni Gesù ci definisce la Porta dell’ovile, solo attraverso di lui si può entrare nel recinto delle pecore. È una solenne autodefinizione “Io sono la porta”. In questa prospettiva sono chi accoglie Gesù ed entra in lui può oltrepassare la porta della chiesa ed entravi.
Entrare in chiesa per la porta vuol dire accoglie Cristo-Porta. Chi non lo fa, cioè passa per altra vita o scavalca dice Gesù è un ladro e brigante.
Gesù- Porta, dunque diventa il grande mediatore tra Dio. È interessante l’epigrafe del primo medioevo incisa sui lati del monogramma di Cristo, nella chiesa di San Giorgio a Milano

“Sono la porta della vita: prego tutti di entrare, entreranno attraverso di me coloro che cercano la gioia del cielo: Colui che è nato da Vergine, non generato da uomo, salvi coloro che entrano, sostenga quelli che ritornano”.

La porta infatti continua ancora a parlarci con la stessa voce di Cristo. È quanto ci viene trasmesso dal priorato cluniacense di St. Marcel-lés-Sauzet: “Passate attraverso di me, perché sono la porta della vita: voglio perdonarvi. Venite”.

È davvero sintomatico e significativo - conclude don Mario Colavita - che tutta la storia della salvezza sia collocata tra due porte: la porta del paradiso da cui Adamo è stato cacciato dopo il peccato originale (Gen 3,23-24) e la porta (le porte) della Gerusalemme celeste, quella attraverso la quale entreremo nel gaudio eterno".

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

 

Change privacy settings