Transiberiana, i numeri dopo il lockdown: più turisti dal Nord e meno presenze dal Molise

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Una prima stima relativa alla partecipazione ai viaggi lungo la tratta storica Sulmona-Isernia forniti dall’associazione Le Rotaie


SULMONA/ISERNIA. Ripresi i viaggi a bordo dei convogli storici lungo la tratta Sulmona-Isernia. Ed ecco che i dati della ripartenza, dopo il lockdown, sono stati analizzati e resi noti dall’associazione Le Rotaie sulla base delle informazioni fornite dall’Agenzia Pallenium Tourism relativamente alle quattro partenze dei giorni 1, 9, 16 e 22 agosto, tutte sold-out.

Se l’attrattività del viaggio a bordo della Transiberiana d’Italia sembra essere rimasta intatta, rispetto ai fasti pre pandemia, è la provenienza dei turisti a delineare una particolare tendenza, che sembra sconfessare l’imperante concetto di turismo di prossimità, nell’accezione che prevede la “scelta del visitatore di vivere un’esperienza interessante senza allontanarsi troppo da casa”.

Si apprende, infatti, di una crescita dei flussi dalle regioni settentrionali. “In questo agosto – riporta Lerotaie.com – rappresentano più di un terzo del totale: sono ben il 39% contro il 21% dell’agosto 2019”.

In leggerissimo calo, ma sostanzialmente stabili, le presenze dal Lazio, attestate intorno al 19%. In lieve aumento quelle da Umbria e Marche, che sono al 13,5%.

In diminuzione, invece, le presenze dei locali da Abruzzo e Molise. Si parla di un 19% a fronte di un 29,5% dello scorso agosto.

Dalle regioni meridionali – prosegue Le Rotaie - ancora un calo, “da leggere come strutturale per via della perdurante assenza delle partenze da Isernia (direzione Sud-Nord), preferibili per chi proviene da Sud, oltre che per una generale tendenza estiva in quelle regioni di essere meta di vacanza anche per gli stessi residenti, specie quest’anno: dalla Campania fino alle isole solo un 6,5%, contro l’11% dell’agosto 2019”.

Ultimo dato, previsto e confermato, il calo delle presenze dai paesi esteri, legato ad una maggiore difficoltà di varcare i confini nazionali a causa del Covid.

In ogni caso, la Transiberiana non conosce crisi e conferma e consolida i suoi 1.200 turisti per il mese di agosto.

 

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Change privacy settings