Omaggio a Domenico Fratianni. Al via la X Biennale dell’incisione italiana contemporanea

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Oggi la presentazione alla Gil. Nelle parole dei figli dell’artista, del governatore Toma, del sindaco Gravina e della presidente della Fondazione Molise cultura Presutti il tributo a uno degli artisti simbolo del Molise e a una persona molto amata a Campobasso


CAMPOBASSO. Un omaggio a un grande artista, Domenico Fratianni, simbolo di Campobasso e del Molise, scomparso lo scorso anno mentre si trovava a Matera, all’inaugurazione di una sua mostra nella Capitale europea della cultura 2019, e da tutti rimpianto. E il giusto proseguimento di quella che era l’iniziativa che il ‘magister’, come in tanti lo chiamavano, aveva lanciato vent’anni fa, insieme a un sogno: fare della regione e di Campobasso un punto di riferimento dell’arte incisoria italiana contemporanea.

bie3Sarà inaugurata domani alla Gil la X Biennale dell’incisione italiana contemporanea Città di Campobasso, omaggio a Domenico Fratianni. Questo pomeriggio la presentazione dell’evento, in una conferenza stampa del governatore Donato Toma, del sindaco di Campobasso Roberto Gravina, del presidente della Fondazione Molise cultura Antonella Presutti e dei figli dell’artista, Annalisa e Gerardo Fratianni.

“Era un primo impegno che avevamo preso con la famiglia del maestro – le parole del sindaco Gravina – e domani potremo dare seguito alla promessa fatta. Un grazie particolare ai figli del maestro, Gerardo e Annalisa, che con il loro impegno e la loro passione, hanno instradato le istituzioni locali, Comune di Campobasso, Regione Molise e Fondazione Molise Cultura, lungo un percorso realizzativo e collaborativo, finalizzato non solo a ricordare meritoriamente la memoria del maestro, ma anche a far conoscere e consolidare l'arte incisoria."


“Fratianni - ha ricordato il governatore Toma - non è stato solo un pregevole pittore, disegnatore, incisore, apprezzato e stimato in Italia e all’estero; è stato un autentico pioniere dell’arte incisoria, un divulgatore di questa affascinante tecnica che, grazie a lui, è stata sdoganata qui in Molise e fatta conoscere al grande pubblico, soprattutto a quello giovanile”.

bie4La Commissione scientifica della Biennale, unitamente a tutto il Comitato promotore, ha deciso di rendergli omaggio con l’esposizione di una raccolta di opere del maestro, fornita a titolo gratuito dalla sua famiglia, in una sezione della mostra a lui dedicata.

Nel 2011, in occasione delle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, presso la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, è stata allestita la mostra ‘Grafica Oggi - Viaggio nell’Italia dell’incisione’, riproposta nelle Sale espositive della Fondazione Molise cultura: 123 opere, fra le quali due del maestro Fratianni, che conducono il visitatore attraverso un percorso di conoscenza dell’incisione italiana del Novecento fino alle ultime tendenze, tra tecniche tradizionali e innovative, modi e mezzi espressivi consolidati, ma anche inusuali.

A queste si aggiungono inediti e dipinti a olio, arte quest'ultima che Fratianni portava avanti, insieme a quella dell’incisione. “Una grande iniziativa, di quelle che appartengono al cuore – le parole della presidente della Fondazione Antonella Presutti – Domenico Fratianni è stato un animatore e un agitatore artistico della città. Da laica non so dire dov’è ora, ma di certo credo di poter dire che è felice di quello che stiamo facendo”.

catCommosse le parole dei figli, Annalisa e Gerardo Fratianni, che hanno evidenziato l’impegno nell’organizzare un evento importante come la Biennale. “Abbiamo portato a Campobasso il meglio dell’incisione italiana contemporanea – le loro parole – come faceva sempre papà. Quando si è sentito male a Matera, all’inaugurazione di una sua mostra, stava parlando con un critico d’arte proprio di questa edizione, a cui teneva particolarmente perché era la decima”.

Nella conferenza stampa il governatore Toma ha lanciato la proposta di dedicare a Domenico Fratianni, stabilmente, la Biennale dell’incisione. La mostra resterà aperta fino al 18 ottobre, accessibile gratuitamente al pubblico con prenotazione obbligatoria e con ingressi contingentati, vista l’emergenza Covid.

Carmen Sepede

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto! 

Change privacy settings