Archeologia, resterà a Isernia la testa di Augusto spuntata in via occidentale

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Dal Comune fanno sapere di avere avuto rassicurazioni a riguardo. Salvo parere del Ministero sarà collocata nel museo di Santa Maria delle Monache

ISERNIA. Ha naturalmente suscitato interesse e curiosità il ritrovamento a Isernia della testa marmorea raffigurante l’imperatore Augusto.  In merito, dal Comune hanno annunciato tra l’altro di aver avuto rassicurazioni sul fatto che il reperto, salvo parere del Ministero resterà in città. 

“Durante i lavori di messa in sicurezza del tratto delle mura urbiche di via Occidentale, collassati tempo addietro – si legge una nota di Palazzo San Francesco - è stata rinvenuta una testa marmorea di manifattura elevatissima, forse prodotta nelle botteghe imperiali e che presumibilmente raffigura un giovane Augusto. Il ritrovamento è avvenuto in uno strato di riempimento tra le strutture di epoca romana-medievale, anch’esse rinvenute nell’area di scavo del cantiere. La testa è stata immediatamente consegnata dal Comune di Isernia alla Soprintendenza per la sua custodia.

La notizia ha creato vivo interesse in città e l’amministrazione comunale l’ha accolta con entusiasmo, certa che si tratta d’un reperto che, oltre a dare ulteriore lustro al grande passato storico della città, contribuirà ad arricchirne il patrimonio archeologico e consentirà di aggiungere conoscenze sull’antica ‘Isernia latina’.

Il sindaco Giacomo d’Apollonio e l’assessore alla cultura Eugenio Kniahynicki hanno contattato stamattina Leandro Ventura della ‘Direzione regionale Musei Molise’, il quale ha dato assicurazione che, salvo parere del Ministero, la testa di Augusto resterà a Isernia e verrà collocata nel museo di Santa Maria delle monache. Gli studiosi non escludono che nel luogo del ritrovamento potranno essere rinvenuti altri importanti reperti, e auspicano la prosecuzione d’una proficua campagna di scavi”.

L’Area Tecnica del Comune, nel ricordare che il cantiere del ritrovamento, in via Occidentale, riguarda i lavori che il Comune sta eseguendo per il ripristino d’un tratto di cinta muraria crollato nel 2013, evidenzia come l’iter seguito per la definizione delle opere sia stato abbastanza complesso.

“Grazie alla collaborazione della Soprintendenza – ha evidenziato inoltre il Comune - si è, infine, riusciti a contemperare le esigenze di messa in sicurezza del muro con quelle di indagine e salvaguardia del sito, approvando un progetto che prevede scavi senza alcun intervento potenzialmente non conservativo.
I lavori, iniziati il 30 marzo, si stanno svolgendo sotto il controllo e sorveglianza diretta e assidua del Comune, tramite i professionisti appositamente nominati (direttori dei lavori e archeologo), e in collaborazione con la Soprintendenza archeologica”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 



Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui  e salva il contatto! 

Change privacy settings