Scomparsa di Mauro Romano: il romanzo-inchiesta approda a Isernia e Campobasso

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Piccolo “tour” molisano per il nuovo libro di Flavia Piccinni e Carmine Gazzanni, "Storia di una Scomparsa", edito da Fandango


ISERNIA-CAMPOBASSO. Venerdì 6 agosto alle ore 18 in Piazza Celestino V i due autori Flavia Piccinini e Carmine Gazzanni presenteranno il loro ultimo romanzo-inchiesta in compagnia della giornalista Valentina Ciarlante. Il giorno dopo (sabato 7 agosto) l’appuntamento è a Campobasso in Piazzetta Palombo alle ore 18,30.

Il libro di Flavia Piccinni e Carmine Gazzanni ripercorre un caso di cronaca, la scomparsa di un bambino di cui tanto si è parlato negli ultimi mesi: Mauro Romano. È il 21 giugno 1977: un bambino di sei anni sta giocando di fronte alla casa dei nonni. Si chiama Mauro Romano, ha capelli biondi e lisci, gli occhi scuri. Non si allontana mai di casa, eppure quel pomeriggio d’estate di 44 anni fa scompare. Si perde nel nulla, fagocitato fra la polvere e il mare. Per quarant’anni i genitori di Mauro lo cercano ovunque.

Fino a ritrovare, un giorno di primavera, sulla copertina di un giornale di cronaca rosa la fotografia di un uomo abbracciato a una nota showgirl. È un emiro arabo, figlio di uno degli uomini più ricchi e potenti di tutto il pianeta. Eppure, per i coniugi Romano quell’uomo ha qualcosa di famigliare. E ha anche una cicatrice sull’occhio sinistro, e una bruciatura sulla mano destra… E se fosse lui? A metà fra l’inchiesta e il romanzo, “Storia di una scomparsa” è il racconto esclusivo, inedito, rocambolesco e avvincente di una vicenda incredibile e unica: il rapimento più lungo del mondo, per il quale si sono alternate varie piste, dalla pedofilia alla Sacra Corona Unita fino ai Testimoni di Geova e allo spauracchio della famiglia araba.

LE CONSEGUENZE DEL LIBRO: ha già fatto molto discutere stampa e opinione pubblica. Il caso è arrivato finanche in Parlamento: dopo le rivelazioni contenute nel libro è stata presentata un’interrogazione parlamentare a cui il ministero degli Esteri ha già risposto mostrandosi disponibile ad aiutare la famiglia Romano nella ricerca della verità.

GLI AUTORI: Flavia Piccinni (Taranto, 1986) ha pubblicato tre romanzi e un saggio sulla ’ndrangheta. È coordinatrice editoriale della casa editrice Atlantide, collabora con diversi giornali ed è parte della redazione di Nuovi Argomenti. Autrice per Rai1 e Radio3 Rai, è stata insignita del Premio Marco Rossi per l’impegno civile. Con il libro “Bellissime” (Fandango Libri, 2017) è stata vincitrice di numerosi premi fra cui il Premio Benedetto Croce; ne è stato tratto un documentario disponibile su Netflix e un audiolibro per Amazon Audible. Nel 2018 ha pubblicato con Carmine Gazzanni “Nella Setta” (Fandango, 2018), che ha vinto fra l’altro il Premio Mattarella Giornalismo e il Premio Giornalismo Investigativo Europeo. Il suo ultimo libro è “Sarah” (Fandango, 2020) che diventerà una serie fiction e un documentario per Groenlandia.

Carmine Gazzanni (Isernia, 1989). Giornalista, autore televisivo per Rai1 e inviato per Rai2. Le sue inchieste hanno dato origine a numerose interrogazioni e denunce parlamentari. Scrive per numerosi giornali, fra cui “Panorama”, “Fanpage”, “Left”. In passato ha scritto per “L’Espresso” e “Narcomafie”, ha collaborato per la realizzazione di un’inchiesta sul mondo settario per “Presa Diretta” (Rai3). Ha vinto il Premio giornalistico “Maurizio Rampino” con un’inchiesta sul quartiere Tamburi di Taranto e sullo stabilimento dell’Ilva, e il premio giornalistico Pietro Di Donato con un’inchiesta sul caporalato nelle regioni del Nord. Con Flavia Piccinni ha scritto “Nella Setta” (Fandango, 2018). Il libro ha suggerito due proposte di legge, e i diritti sono stati acquistati da Fandango. Sempre con Flavia Piccinni ha pubblicato nel luglio 2020 il libro “Sarah. La ragazza di Avetrana” (Fandango, 2020).

Change privacy settings