Agnone sede del Bams – Museo dello spopolamento: la proposta dell’Università delle generazioni

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Avanzata a Governo e Parlamento. L’obiettivo è preservare la memoria storica di un territorio


AGNONE. L’Università delle Generazioni, associazione culturale che cerca di conservare la memoria e la dignità dei luoghi soggetti a spopolamento, propone al Parlamento, al ministro per i Beni Culturali, Dario Franceschini, e al Governo Draghi di istituire un centro nazionale BAMS (Biblioteca-Archivio-Museo dello Spopolamento), pure con sedi regionali in collaborazione con gli Archivi di Stato. Tra i luoghi che potrebbero ospitare tale museo c’è Agnone, un centro ricco di storia, cultura e tradizioni, particolarmente vessato dalla piaga dello spopolamento.
“Le città scoppiano e i paesi muoiono – afferma il fondatore-responsabile Domenico Lanciano – anche per questo reclamiamo da sempre un minimo di dignità storica e di riequilibrio territoriale, una indispensabile sostenibilità per evitare la catastrofe su entrambi i fronti, quello rurale e quello urbano. È compito dell’Unione Europea e dei Governi nazionali adottare provvedimenti di salvaguardia per evitare che si giunga ad un cruciale punto di non ritorno! In Europa già ci sono oltre ventimila i borghi in via di sgretolamento demografico ed edilizio. E tale tendenza alla rovina è destinata a continuare e persino ad aumentare di molto se si insiste e persiste con queste sciagurate politiche di spoliazione e abbandono del territorio! Per non pensare al dissesto idrogeologico dell’Italia più debole ma spesso più bella e irrinunciabile. O c’è una decisa svolta oppure muore persino l’Italia più ricca, superba e dimentica”.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings