Lo scandalo dei permessi di soggiorno falsi ai clandestini: beccato l’avvocato della sinistra

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Trovati in casa del legale circa 200mila euro


BOLOGNA. Altro che la sinistra dei poveri. Oggi la Squadra mobile della Polizia bolognese ha applicato nei confronti dell’avvocato 39enne Fabio Loscerbo, e di un suo complice tunisino, l’ordinanza di misure cautelari emessa dal gip Roberta Dioguardi, su richiesta del pm Rossella Poggioli, che dispone per entrambi la misura cautelare degli arresti domiciliari “per i reati - fa sapere la Questura - di falso ideologico in atto pubblico per induzione in errore, contraffazione e utilizzo di documenti al fine di determinare il rilascio del permesso di soggiorno e favoreggiamento della permanenza in clandestinità nel territorio dello Stato”. Lo riporta, tra gli altri, NextQuotidiano. Solo nel 2018 l’avvocato aveva infatti presentato “oltre 800 istanze di fissazione di appuntamento per altrettanti cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale, molti dei quali risultavano provenire da varie parti d’Italia”, che avevano “fittiziamente trasferito il proprio domicilio nel territorio della provincia di Bologna per poter presentare la propria istanza alla locale Questura”.

La Polizia ha anche svolto delle perquisizioni personali e domiciliari nei confronti dei due, trovando in casa del legale circa 200mila euro, e ha perquisito anche lo studio professionale dell’avvocato e l’abitazione di una terza indagata, praticante e collaboratrice di studio. L’indagine, si legge in una nota, è scattata a giugno 2018 “grazie ad alcune segnalazioni provenienti dall’Ufficio Immigrazione della Questura di Bologna, che aveva registrato un deciso aumento delle domande di protezione internazionale, avanzate anche da cittadini stranieri che dimoravano in Italia da diverso tempo privi di un regolare permesso di soggiorno”.

Non si sono fatte attendere le dichiarazioni dei leader politici. Su Twitter Matteo Salvini parla di “schifo per mangiarci su”, mentre Stefano Bonaccini su Facebook spiega si tratta di una fake news e che l’avvocato Loscerbo “non ha nulla a che fare con me o col Pd, e non è stato sostenuto dal Pd alle ultime amministrative”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti ‘mi piace’ al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings