Oscar 2020: trionfa Parasite. Phoenix miglior attore, statuetta per Pitt. E Scorsese resta a bocca asciutta

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il regista di ‘The Irishman’ viene omaggiato da Bong Joon Ho: "Quando studiavo cinema ciò che più mi è rimasto nel cuore è la frase: più si è personali più si è creativi. E quella frase l’ha detta Scorsese che ho studiato a scuola"


Ieri si è fatta la storia dell’Academy: Parasite vince tutto, miglior film, miglior film internazionale, miglior sceneggiatura e miglior regia. Non era mai successo nella storia degli Oscar: è il primo film non in lingua inglese a vincere nella più importante categoria. Il film scritto e diretto da Bong Joon Ho racconta una realtà lontanissima da quella cui Hollywood ci ha abituato, anche se il conflitto tra differenti classi socio-economiche resta lo stesso. L’autore coreano si alza inaspettatamente ben quattro volte per ritirare il premio, surclassando alla regia Tarantino, Mendes, Phillips e Scorsese, cui rivolge un appassionato omaggio: “Quando studiavo cinema ciò che più mi è rimasto nel cuore è la frase: più si è personali più si è creativi. E quella frase l’ha detta Scorsese che ho studiato a scuola”.

Prevedibile invece la vittoria di Joaquin Phoenix nella sua categoria, per l’interpretazione stellare di Arthur Fleck in Joker. L’attore decide di lanciare, dal palco delle premiazioni, un ulteriore messaggio ambientalista e a favore degli ultimi: “Il dono più grande è l’opportunità di dare la nostra voce a chi non ha voce. Tutte le volte che parliamo di diseguaglianze di genere, razzismo, diritti LGBTQ, diritti degli animali e dei nativi, parliamo di diritti dove una specie non deve dominarne un’altra impunemente. Siamo così lontani e disconnessi dalla natura, pensiamo di essere al centro dell’universo, ci sentiamo in diritto di inseminare artificialmente una mucca e quando gli nasce un vitello glielo rubiamo o usiamo il suo latte per i cereali al mattino”, ha spiegato Phoenix, come riportato da Il Fatto Quotidiano. “Abbiamo paura dell’idea di cambiare, pensiamo solo al sacrificio che toccherebbe a noi, ma gli esseri umani sono così pieni di inventiva. Usiamo l’amore per realizzare un sistema di vita per tutti gli esseri senzienti e l’ambiente. Nella mia vita sono stato egoista, cattivo e crudele, sono stato un collega difficile, ma la cosa più importante è darsi una seconda opportunità. Sosteniamoci insieme così verrà il meglio per l’umanità. Quando mio fratello (River Phoenix, NdR) aveva 17 anni scrisse: corri verso il rifugio con amore e la pace giungerà”.

1917, il favorito alla vigilia, vince 'solo' tre Oscar - fotografia, sonoro ed effetti speciali. Due Oscar invece per Joker: Phoenix come miglior attore e la straordinaria colonna sonora dell’islandese Hildur Guðnadóttir; C’era una volta ad Hollywood con Brad Pitt come miglior attore non protagonista e per production design; ma anche due Oscar come montaggio e sound editing per Ford vs. Ferrari di James Mangold. Ad un Oscar troviamo invece Marriage Story di Noah Baumbach - Laura Dern come attrice non protagonista - Piccole donne per i costumi e Bombshell per il trucco. Statuetta che è parsa un po’ sottotono anche per Renée Zellweger e la sua Judy Garland vecchio stile. Troppo poco, troppo ‘old’, in un mondo dell’intrattenimento cinematografico ormai assuefatto al binge watching di Netflix e affini: grande assente è infatti il The Irishman di Martin Scorsese, figlio di una poetica cinematografica quasi fuori moda per l’Academy del 2020. A bocca asciutta anche i blockbuster Avengers: Endgame e Star Wars: Rise of Skywalker.


I VINCITORI

Miglior film:

Parasite

Miglior attore:
Joaquin Phoenix, Joker


Miglior attrice:
Renee Zellweger, Judy

Miglior attore non protagonista:
Brad Pitt, Once Upon a Time in Hollywood

Miglior attrice non protagonista:
Laura Dern, Marriage Story


Miglior regia:
Bong Joon Ho, Parasite

Miglior film d’animazione:
Toy Story 4, Josh Cooley

Miglior corto d’animazione:
Hair Love, Matthew A. Cherry


Sceneggiatura non originale:
Jojo Rabbit, Taika Waititi


Sceneggiatura originale:
Parasite, Bong Joon ho, Jin Won Han

Miglior fotografia:
1917, Roger Deakins


Miglior documentario:
American Factory, Julia Rieichert, Steven Bognar


Miglior corto documentario:
Learning to Skateboard in a Warzone, Carol Dysinger


Miglior corto live action:
The Neighbors’ Window, Marshall Curry


Miglior film internazionale:
Parasite, Bong Joon Ho

Montaggio:
Ford v Ferrari, Michael McCusker, Andrew Buckland


Sound Editing:
Ford v Ferrari, Don Sylvester


Miglior sonoro:
1917


Production Design:
Once Upon a Time in Hollywood, Barbara Ling and Nancy Haigh


Colonna sonora:
Joker, Hildur Guðnadóttir


Canzone originale:
'I’m Gonna Love Me Again', Rocketman


Trucco e acconciature:
Bombshell

Costume Design:
Little Women, Jacqueline Durran


Effetti speciali:
1917

Pietro Ranieri

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia al numero 3288234063 un messaggio con scritto “ISCRIVIMI”. Ricordati di salvare il numero in rubrica! Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

Change privacy settings