Prescrizione, 12mila processi a rischio ‘ricalcolo’: da Bonafede al Conte-bis, come cambia la giustizia nei tribunali

Prescrizione, 12mila processi a rischio ‘ricalcolo’: da Bonafede al Conte-bis, come cambia la giustizia nei tribunali

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Se la proposta dovesse diventare legge, scatterà il recupero del periodo di prescrizione per migliaia di procedimenti per i quali la Corte d’appello ha ribaltato con un’assoluzione il verdetto di condanna emesso in primo grado


L’intesa tra Movimento Cinque Stelle, Pd e Leu sulla prescrizione per il ‘superamento’ della Riforma Bonafede che, già dal primo gennaio scorso, prevede lo stop alla prescrizione per tutti dopo la sentenza di primo grado, si traduce nel lodo ‘Conte-bis’, dal nome del deputato Federico Conte di Liberi e Uguali. Alla base della proposta un diverso trattamento per assolti e condannati in primo grado.

Secondo l’intesa raggiunta - spiegano Valentina Maglione e Bianca Lucia Mazzei sul Sole 24 Ore - la prescrizione si bloccherà solo per i condannati, mentre per gli assolti continuerà a decorrere. Se, però, il giudizio di appello riformerà il verdetto del tribunale e trasformerà la condanna in un’assoluzione, un sistema di ricalcolo restituirà all’imputato i tempi di prescrizione perduti.

GRAFICO sentenze ok

Ed ecco che, se la proposta dovesse diventare legge, scatterà il recupero del periodo di prescrizione per migliaia di procedimenti, almeno 12mila si stima, per i quali la Corte d’appello ha ribaltato il verdetto di condanna emesso in primo grado. Nella sostanza, con la riforma Bonafede, in caso di impugnativa, i processi restano in piedi fino a che non si arriva alle sentenze d’appello o di Cassazione.

Con il lodo Conte-bis, invece, la prescrizione continuerebbe a scorrere solo nei casi di assoluzione: in base ai dati 2018, fonriti dal Ministero della Giustizia e analizzati dal Sole 24 Ore, si tratterebbe di circa 63mila processi, il 21% del totale delle sentenze di primo grado. Nei casi di condanna, invece, la prescrizione resterebbe sospesa. Sarebbe l’ipotesi più ricorrente: nel 2018 le sentenze di condanna sono state quasi 160mila, il 53% del totale delle pronunce.

Con il lodo Conte-bis, il blocco definitivo alla prescrizione scatterà con la conferma in appello della condanna emessa dal giudice di primo grado. A questo punto la prescrizione non solo smetterà di decorrere, ma non potrà più in alcun modo essere recuperata.

 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia al numero 3288234063 un messaggio con scritto “ISCRIVIMI”. Ricordati di salvare il numero in rubrica! Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

Privacy Policy