Coronavirus, in caso di necessità c’è l’esercito: pronti 6.600 posti letto in 80 caserme

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il ‘piano B’ per far fronte all’emergenza. Intanto, a Wuhan chiude il primo ospedale creato ad hoc per l’epidemia


Laddove non dovessero bastare le strutture sanitarie del territorio nazionale per far fronte all’emergenza coronavirus, entra in gioco l’esercito.
Il governo ha pronto il ‘piano B’. la Difesa, infatti, - riferisce TgCom24 – ha messo a disposizione 80 caserme con 6.600 posti letto.

Intanto, a Wuhan, centro focolaio dell’epidemia, chiude il primo dei 16 ospedali realizzati d'urgenza dopo lo ‘scoppio’ dei contagi. La decisione – recita un’Ansa - è maturata grazie al drastico calo dei nuovi casi di infezione. Ma verrà attuata solo dopo aver dimesso gli ultimi pazienti guariti.
La provincia dell'Hubei, di cui Wuhan è capoluogo, ha registrato ieri appena 196 casi di contagi, per la prima volta sotto quota 200 dal 24 gennaio.

 

 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia al numero 3288234063 un messaggio con scritto “ISCRIVIMI”. Ricordati di salvare il numero in rubrica! Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

 

Change privacy settings