Emergenza coronavirus, Conte chiarisce: trapelata una bozza incompleta del decreto, nessuna proroga al 31 luglio

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

In conferenza stampa il Presidente del Consiglio specifica l’adozione di nuove misure e della sanzione fino a 3.000 euro per i trasgressori


ROMA. Da pochissimo si è concluso il Consiglio dei Ministri in cui si è adottato il nuovo decreto legge che, con lo strumento flessibile del Dpcm, ha consentito di agire in maniera puntuale per contrastare gli sviluppi dell’epidemia da coronavirus.

Il premier Giuseppe Conte, nella conferenza stampa a seguire appena andata in diretta, ne ha spiegato i punti salienti. Il Presidente del Consiglio ora riferirà ogni 15 giorni al Parlamento sugli strumenti adottati dal Governo per comunicare le decisioni dell'esecutivo. Sono stati regolamentati i rapporti tra Stato centrale e regioni: i governatori ora possono adottare – nei limiti delle proprie competenze - anche misure restrittive più severe, fermo restando la funzione di coordinamento e omogeneità dagli interventi del Governo.

È prevista una nuova multa da 400 euro a 3.000, euro che si sostituisce alla sanzione attualmente prevista per i trasgressori. L’importo viene aumentato fino a un terzo se chi viola la restrizioni imposte agli spostamenti viene colto alla guida di un autoveicolo, ma non è invece previsto il fermo amministrativo del mezzo.

Sulle presunte indiscrezioni che volevano una proroga delle misure restrittive fino al 31 luglio, Conte spiega: “È trapelata una bozza incompleta o precedente del decreto approvato. Non si parla del 31 luglio, nulla di vero. Noi abbiamo decretato lo stato di emergenza nazionale per uno spazio di sei mesi a partire dal 31 gennaio. Ma questo non significa che le misure restrittive in vigore saranno prorogate fino al 31 luglio. È semplicemente lo spazio previsto. Siamo pronti ad adattarci agli sviluppi e rimaniamo fiduciosi che ne usciremo ben prima, per poter tornare alle nostre abitudini e anzi, a uno stile di vita migliore”.

Pierre

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Change privacy settings