Grillo torna sull’ipotesi del ‘reddito di quarantena’: è ora di salvare gli uomini e non più le banche

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Un fondo d’emergenza uguale per tutti che rimetta l’uomo al centro: c’è chi è d’accordo e chi, come Matteo Renzi, lo contesta


"La via d'uscita da questa crisi non può essere come quella del 2008, quando si è preferito salvare le banche a discapito del popolo. È arrivato il momento di mettere l'uomo al centro e non più il mercato del lavoro. Per fare ciò si deve garantire a tutti i cittadini lo stesso livello di partenza: un reddito di base universale, per diritto di nascita, destinato a tutti, dai più poveri ai più ricchi". Lo scrive sul suo blog Beppe Grillo, ritornando con forza anche sul tema di un reddito d'emergenza o di quarantena per fronteggiare la crisi che si trasformi poi in qualcosa di stabile.

"C'è già chi nel mondo si sta attivando, dagli Stati Uniti, con la paladina del Green New Deal Alexandria Ocasio-Cortez che chiede esplicitamente al Governo Usa un Universal Basic Income; al Regno Unito, dove viene rilanciata la proposta del reddito di base, così come altri stati annunciano misure di soccorso (India, Nuova Zelanda, Hong Kong, Sud Corea…)", spiega Grillo. "Le fonti principali di finanziamento potrebbero essere varie. Si può andare dalla tassazione delle grandi fortune, dei grandi colossi digitali e tecnologici (Mark Zuckerberg, Bill Gates e Elon Musk sono sempre stati a favore del reddito universale), magari quelle a più alto tasso di automazione; o rivedere le imposte sui redditi da capitale e sulla proprietà intellettuale. Oppure le cosiddette "ecotasse", come il Climate Incame, Reddito dal Clima, con una tassa sui combustibili fossili come carbone, petrolio e gas; o come avviene in Alaska dal 1982 con l'Alaska Permanent Fund: un dividendo del rendimento economico di un capitale pubblico, che attinge dalle compagnie fossili. Ogni anno, una parte delle entrate derivanti dal petrolio statale è messa in un fondo. Il governo piuttosto che spendere quel denaro, lo restituisce ai cittadini residenti, bambini compresi, attraverso un dividendo annuale", aggiunge il fondatore del M5S. "Come ripeto ormai da anni le soluzioni ci sono, sta a noi la scelta di sederci intorno ad un tavolo per riconvertire la qualità della nostra vita e creare un sistema che formi persone, non lavoratori. La prima guerra mondiale portò milioni di donne nelle fabbriche e diede il via all'emancipazione delle donne, il Piano Marshall rilanciò l'economia e il benessere del dopo guerra. L'emergenza che stiamo vivendo potrebbe favorire una svolta epocale, rivoluzionaria, che da molti superficialmente è stata sempre considerata folle, e che potrebbe cambiare in meglio il nostro futuro", conclude.

Una proposta simile viene da Liberi e Uguali, ma più orientata a fronteggiare l'emergenza Coronavirus. Il capogruppo alla camera Federico Fornaro ha affermato: “È sotto gli occhi di tutti la necessità di mettere in campo al più presto uno strumento universale di sostegno al reddito. Nella fase straordinaria che stiamo vivendo non si può fare a meno di un reddito di emergenza per non lasciare indietro nessuno in questa crisi senza precedenti. Integrandosi con gli strumenti esistenti, il reddito di emergenza - temporalmente definito - deve dare una risposta a una domanda diffusa di protezione che proviene dai soggetti più deboli e fragili della nostra società".

Un paio di giorni fa anche il presidente Giuseppe Conte aveva parlato di 'reddito di emergenza': "Sicuramente sono allo studio un ventaglio di proposte. Siamo di fronte a un'emergenza sanitaria che si è tramutata un attimo dopo in emergenza economica", aveva detto il premier, rispondendo a una domanda sulla proposta fatta in merito dal MoVimento Cinque Stelle. "Non ci può essere una soluzione, ma un ventaglio di risposte vigorose", aggiunge. “Stiamo lavorando per rendere fruibile il prima possibile" gli indennizzi e "dal 1 aprile con un click si potrà fare domanda e saranno erogati i 600 euro, che vogliamo rafforzare e allargare. Non è tanto il momento di riformare strumenti ordinari ma di far fronte a una situazione straordinaria", ha dichiarato il ministro Roberto Gualtieri in conferenza stampa a Palazzo Chigi. Il bonus sarà reso "più rapido, più efficace e più universale per chi non usufruisce di una fonte di reddito". La cifra ipotizzata dei 600 euro è in realtà "ancora da definire": lo spiega Pierpaolo Baretta, sottosegretario all'Economia, a Radio Capital, sottolineando che la nuova forma di sostegno "riguarderà tutti quelli senza reddito e senza ammortizzatori, e potrebbe arrivare come erogazione di denaro oppure sotto forma di pagamento di bollette o affitti per un sostegno immediato".

La necessità di un 'reddito di emergenza' e non solo a livello nazionale era stata sostenuta nei giorni scorsi anche dal M5S attraverso il ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli e il capo politico Vito Crimi: "Oggi certamente un reddito di emergenza è necessario proprio per evitare di vedere quelle scene dei supermercati", spiega Patuanelli a RaiNews. "Allargare la platea" rispetto al reddito di cittadinanza "è un "obiettivo giusto", del M5s e del Governo, aggiunge. Ma si può guardare anche all'Europa: farlo "a livello europeo è una necessità in questo momento". Crimi invece ha dichiarato su Twitter: "Chi fino a ieri voleva abolire il Reddito di cittadinanza, oggi vuole estenderlo. Dunque avevamo ragione: se 2,5 milioni di persone resistono, è grazie alla misura voluta dal Movimento 5 stelle. Ora lavoriamo insieme a uno strumento analogo per chi è senza reddito: un Reddito di emergenza".

Affida sempre a Twitter il proprio pensiero il leader di Italia Viva Matteo Renzi. "Il disegno di Beppe Grillo è chiaro: decrescita felice e reddito di cittadinanza. Il senso delle mie interviste di questi giorni è l'opposto: servono crescita e lavoro. Ecco perché bisogna pensare subito a come riaprire ad aprile. Adesso ci stiamo giocando il futuro. Adesso!". La sua contrarietà alla misura è condivisa anche da Fratelli d’Italia: "Beppe Grillo non fa ridere da tempo, figuriamoci in un momento come questo. Rispolverare l'allure del finto profeta dalle idee assurde nel momento più drammatico per il Paese dà la misura di chi sia il fondatore del M5S", dichiara il deputato di FI Francesco Paolo Sisto. "La proposta di Grillo è talmente irricevibile che non vale neanche la pena di commentarla. Solo un avviso, per il comico genovese: è finita un'era. Il Coronavirus, facendo pagare al nostro Paese un prezzo altissimo, ha messo a nudo tutta la pochezza del 'Governo della incompetenza', fortemente voluto proprio da lui. Grillo, che ha sempre fatto del futuro un tratto della sua vuota retorica, capisca che le sue assurdità sono già passato, e passato remoto", conclude.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Change privacy settings