Ore --:-- - 0 seggi chiusi su 23 - Votanti --,--% - Schede nulle: 0 - Schede bianche: 0 - Schede contestate 0

66,66%
Piero Castrataro - voti 6
33,33%
Gabriele Melogli - voti 3

Locali verso la riapertura, ecco le regole: distanze, mascherine per le file e autocertificazione per le famiglie

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Alcuni dettagli del documento tecnico stilato da Inail e Iss su “ipotesi di rimodulazione” degli spazi all’interno di bar e ristoranti


Si va verso le riaperture di ristoranti e bar su base regionale, anche dal 18 maggio prossimo, se la curva dei contagi non dovesse salire. Ma Inail e Istituto superiore di sanità dettano le linee guida per la sicurezza nei pubblici esercizi.

Prima regola da rispettare è quella del distanziamento sociale: per ogni cliente è necessario uno spazio di 4 metri metri quadrati, mentre tra un tavolo e l’altro servono almeno 2 metri. Bisogna, dunque, sulla base di tali indicazioni, stabilire “un limite di capienza predeterminato” nei locali. “Fatto salvo – recita il documento tecnico al vaglio del Governo, i cui stralci sono stati riportati dal CorSera - la possibilità di adozioni di misure organizzative come, ad esempio, le barriere divisorie”.

Quella del distanziamento sociale è una questione fondamentale e al contempo complessa, in quanto non è possibile stare a tavola con la mascherina e, in presenza di soggetti infetti da Sars-Cov-2, la possibilità di contaminare stoviglie e posate è alta. Pertanto, è importante prevedere “il ricambio di aria naturale e la ventilazione dei locali”, anche dei servizi igienici. Privilegiare l’uso di spazi all’aperto rispetto ai locali chiusi. E rivedere la divisione degli ambienti, con la disposizione delle sedie tale “da garantire un distanziamento tra i clienti adeguato”, dal momento che non è possibile verificarne il grado di parentela. Al termine di ogni servizio al tavolo, andranno previste “tutte le consuete misure di igienizzazione rispetto alle superfici evitando il più possibile utensili e contenitori riutilizzabili se non igienizzati”. Tuttavia, sarà possibile allestire tavoli risparmiando spazio allorquando una famiglia si dovesse presentare con l’autocertificazione di parentela: il ristoratore si troverà sgravato di qualsiasi responsabilità e guadagnerà un po’ di spazio.

Non consentito il servizio a buffet, come non è possibile la distribuzione dei menu. L’elenco delle pietanze dovrà essere fornito su fogli monouso o su lavagne.  

Per quanto concerne l’utilizzo di mascherine, invece, i clienti dovranno indossarle quando si troveranno verosimilmente in fila alla cassa o al bagno.

Il pagamento del conto è preferibile con carta contactless. In ogni caso, le casse, ove possibile, saranno protette da una barriera in plexiglass.

Queste, dunque, le principali ipotesi di rimodulazione al vaglio del Governo.

 

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

                                                                                               

Change privacy settings