Scuola, concorso per 32mila posti: la prova scritta nei primi giorni di ottobre

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Lo ha annunciato la ministra Azzolina: “E’ importante dare stabilità a docenti e studenti”



Scuola: si svolgerà nei primi giorni di ottobre la prova scritta del concorso straordinario per 32mila posti. Lo ha annunciato la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, intervenendo a Uno Mattina Estate, programma di approfondimento giornalistico in onda su Rai 1. La ministra ha sottolineato che “in un Paese civile i concorsi andrebbero fatti ogni due anni, come succede in Europa. Il nostro obiettivo è svolgere questi concorsi e programmare il fabbisogno. Il concorso straordinario è per 32mila posti e verrà fatto a breve, entro la prima settimana di ottobre o giù di lì”.

“E’ importante – ha aggiunto – perché darà stabilità ai nostri docenti e ai nostri studenti”. Azzolina ha quindi ricordato che oggi scade la domanda per il concorso ordinario “se oggi soffriamo di ‘supplentite’ è perché è mancata la programmazione”. Le prove distinte per ciascuna classe di concorso, secondo quanto scritto da Il Foglio, che ieri ha intervistato la Ministra, dovrebbero svolgersi tra settembre e ottobre.

Una data verosimile dato che alcune forze politiche, su istanza dei docenti interessati, hanno chiesto di rinviare le prove, inizialmente previste per agosto.
La prova dovrà svolgersi nell’anno scolastico 2020/21. Più volte il ministro ha parlato dell’intenzione di avviare i quattro concorsi banditi partendo proprio da quello straordinario per il ruolo, quindi l’autunno è sicuramente una data accreditata. Anche per il censimento delle aule sarà completo entro il 20 luglio.
Più lungo sarà invece il lavoro del Comitato tecnico scientifico incaricato di predisporre i quesiti per ciascuna classe di concorso. Quesiti che varranno l’80% del punteggio finale, poiché ai titoli è possibile attribuire fino a 20 punti.

PROVA SCRITTA. Per i posti comuni i quesiti riguarderanno: valutazione delle conoscenze e competenze disciplinari e didattico-metodologiche, capacità di comprensione del testo in lingua inglese. Per i posti di sostegno: metodologie didattiche da applicarsi alle diverse tipologie di disabilità; valutazione delle conoscenze dei contenuti e delle procedure volte all’inclusione scolastica degli alunni con disabilità; comprensione del testo in lingua inglese. Nel corso della prova, inoltre, saranno accertate le conoscenze informatiche del candidato.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Change privacy settings