Diffusione Coronavirus, via libera della Camera all’indagine ma niente richiesta danni alla Cina

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Sì all’accertamento internazionale sulla diffusione e gestione della pandemia del coronavirus. Bocciate, invece, le mozioni di Lega e Fratelli d’Italia che chiedevano il risarcimento a Pechino


La Camera ha dato l’ok a un’indagine internazionale sulla diffusione del Covid-19 e sugli indirizzi unitari dell’Unione europea per la gestione delle emergenze epidemiologiche. Ma ha bocciato le mozioni per un’azione risarcitoria contro Pechino.

Nello specifico, - scrive le formiche.net - la mozione di maggioranza approvata impegna il governo “a collaborare con l’Organizzazione mondiale della sanità ai fini dell’accertamento indipendente istituito il 18 maggio 2020 per fare luce sulla gestione del Coronavirus da parte della comunità internazionale”.

Invece le istanze respinte, targate Lega e Fratelli d’Italia, invocavano azioni dirette nei confronti della Cina, in quanto ritenuta responsabile della diffusione della pandemia.
La mozione della Lega, tra gli altri impegni, chiedeva al governo di “attivare nei confronti della Repubblica popolare cinese le procedure contenziose previste dall’articolo 36 dello statuto della Corte internazionale di giustizia”. Mentre quella di Fratelli d’Italia impegnava il governo “ad attivare presso le competenti sedi internazionali un’azione di risarcimento danni contro la Cina per aver posto in essere comportamenti e azioni che hanno penalizzato il popolo italiano”.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

 

Change privacy settings