Nuovo Dpcm, tutte le disposizioni aggiornate per il contenimento dei contagi

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

MANIFESTAZIONI PUBBLICHE. Ammesse solo se in forma statica, nel rispetto delle distanze sociali e delle altre misure di contenimento del contagio, nel rispetto delle prescrizioni imposte dal questore ai sensi dell’articolo 18 del Tullps.

Sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò. Sospese. Spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale concerto, sale cinematografiche e altri spazi, anche all’aperto, sospesi. Attività che si svolgono nelle sale da ballo e discoteche o locali assimilati, all’aperto o al chiuso, sospese. Feste: vietate, comprese quelle conseguenti a cerimonie civili o religiose.

Convegni, congressi e gli altri eventi. Vietati, ad eccezione di quelli che si svolgono con modalità a distanza; tutte le cerimonie pubbliche si svolgono nel rispetto dei protocolli e linee guida vigenti e in assenza di pubblico; nell'ambito delle pubbliche amministrazioni le riunioni si svolgono in modalità a distanza, salvo la sussistenza di motivate ragioni; è fortemente raccomandato svolgere anche le riunioni private in modalità a distanza.

LUOGHI DI CULTO. Accesso consentito con modalità organizzative che consentano di mantenere la distanza interpersonale di almeno un metro. Funzioni religiose con la partecipazione di persone: consentite nel rispetto dei protocolli vigenti (allegati 1-7 del DPCM 18 ottobre 2020).

MUSEI E ALTRI ISTITUTI E LUOGHI DELLA CULTURA. Il servizio di apertura al pubblico è assicurato garantendo una fruizione contingentata o comunque tale da evitare assembramenti e da consentire il distanziamento interpersonale di almeno un metro, tenendo conto delle caratteristiche dei luoghi e dei flussi dei visitatori, tenendo conto dei protocolli e delle linee guida adottati dalle Regioni o dalla Conferenza Stato-Regioni e delle eventuali ulteriori misure organizzative, di prevenzione e protezione, nonché di tutela dei lavoratori, adottate dalle amministrazioni e dai gestori dei musei e degli altri istituti di cui al presente punto.

Divieto di permanenza degli accompagnatori nelle sale di attesa dei dipartimenti emergenze e accettazione (DEA) e dei pronto soccorso, salva diversa indicazione del personale preposto. Accesso di parenti e visitatori nelle strutture di ospitalità e lungo degenza, RSA, hospice, strutture riabilitative e residenziali per anziani, solo nei casi indicati dalla direzione sanitaria, che in tal caso è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire la trasmissione del virus.

Change privacy settings