Covid, crollo del Pil: il Molise torna indietro di 32 anni

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Le stime dell’Ufficio studi della Cgia di Mestre: quest'anno l’Italia ritorna al 1989, la nostra regione fa anche peggio. Ogni cittadino perderà in media 2.500 euro


CAMPOBASSO. A causa del Covid, quest'anno ogni italiano perderà mediamente 2.484 euro. A stimare la contrazione del valore aggiunto per abitante a livello provinciale è l'Ufficio studi della Cgia di Mestre, che sottolinea come il Sud vedrà scivolare il proprio Pil allo stesso livello del 1989, pur subendo una riduzione più contenuta rispetto a tutte le altre macroaree del Paese.

In termini di ricchezza, pertanto, si retrocederà di ben 31 anni. In particolare, Molise, Campania e Calabria torneranno allo stesso livello di Pil reale conseguito nel 1988 e la Sicilia addirittura a quello del 1986. Gli artigiani mestrini, come riferito dall’Ansa, precisano che i dati emersi nell'elaborazione sono "sicuramente sottostimati". Aggiornati al 13 ottobre scorso, non tengono conto infatti degli effetti economici negativi che deriveranno dagli ultimi Dpcm introdotti in queste ultime due settimane.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings