No lockdown, ancora 48 ore: il virus corre e Speranza pensa a nuove zone rosse

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 Il ministro della Salute mette le mani avanti


ROMA. Un inseguimento costante, finora senza esiti, quello del Governo Conte nei confronti dell'espansione dei contagi da Covid-19. Oggi, sabato 7 novembre, l'ennesimo record: 39.811 contagi (con circa 230mila tamponi), 425 morti e 119 nuovi ricoveri in Terapia intensiva; Lombardia, Piemonte e Campania restano osservati speciali.

Il ministro della Salute Roberto Speranza, in un colloquio con il ‘Fatto Quotidiano’ in edicola stamani, ha dichiarato che nelle prossime 48 ore "vedremo i nuovi dati e se necessario ci saranno altre ordinanze", cioè altre zone rosse o arancioni. Gli fa eco il premier Giuseppe Conte, che avvisa: “Lockdown generale se si rifiuta la divisione dell'Italia in tre fasce”.

"Dev'essere chiaro - avverte il ministro - che noi stiamo svolgendo una funzione di supplenza nei confronti delle Regioni, che non si possono lamentare anche perché i dati vengono da loro". Nessuna trattativa, "ma i tecnici del ministero si confronteranno con quelli delle Regioni - spiega - C'è un modello standardizzato, i criteri sono lì da 24 settimane e se per tre settimane una Regione non dà i dati diventa zona rossa".

Lo scontro, peraltro, si va attenuando, secondo Speranza. Dopo l'incontro con i governatori "c'è un clima più confortevole, maggiore collaborazione, anche loro capiscono che la situazione è grave". A preoccupare non sono tanto le terapie intensive "quanto i reparti dell'area medica”.

Change privacy settings