Influenza, ci si ammala meno. Mascherine e distanziamento proteggono anche dai virus stagionali

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Casi più che dimezzati nell’ultima settimana del 2020. La fascia di età più colpita i bambini fino a 4 anni


La battaglia contro il Coronavirus, che prevede l’adozione di misure rigorose, con lockdown parziali, distanziamento e soprattutto utilizzo di mascherine, sembra stia dando i suoi effetti anche nella protezione dalle influenze e dai virus stagionali.

Potrebbe essere questo il motivo per il quale in Italia, nell’ultima settimana del 2020, l’incidenza delle sindromi simil-influenzali continua ad essere stabilmente sotto la soglia basale, con un valore pari a 1,5 casi per mille assistiti. Nella scorsa stagione in questa stessa settimana il livello di incidenza era pari a 3,9 casi per mille assistiti.
 
Come riferisce Quotidianosanità.it la maggiore incidenza si registra nella fascia di età 0-4 anni, con 3,03 casi per mille assistiti. Segue la fascia 15-64 anni, con 1,46 casi ogni mille; poi la fascia con età uguale o superiore a 65 anni con 1,25 casi e infine bambini e adolescenti tra i 5 e i 14 anni, con 1,12 casi ogni mille assistiti.
 
La stima dei casi totali di quest’ultima settimana del 2020 è di 92.000 nuovi casi, per un totale di circa 1 milione e 265mila casi a partire dall’inizio della sorveglianza, che quest’anno è iniziata a metà novembre.
 
Nella precedente stagione il numero di casi stimati nella stessa settimana era stato pari a circa 225mila casi, per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 1 milione e 587 mila casi.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto! 

 

Change privacy settings