Covid, scovati i furbetti del bonus vacanze

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Smascherati da Luca Abete di ‘Striscia la Notizia’. Dichiaravano pernottamenti fasulli per intascare il contributo


Erogato il bonus, salta fuori il furbetto. E dopo il caso dei contributi per la cultura percepiti indebitamente, spunta quello del bonus vacanze.
A smascherare i ‘malfattori’ ci ha pensato Luca Abete di "Striscia la Notizia". Il meccanismo è molto semplice: - rilancia TgCom24 - si dichiara un pernottamento fasullo e il contributo, una volta erogato, viene diviso a metà tra l'albergatore e il finto turista.

Grazie a un complice e a una telecamera nascosta, "Striscia la Notizia" ha così filmato l'albergatore mentre propone a un cliente di aggirare la legge per beneficiare del bonus. "Centocinquanta euro te li do io, subito. Gli altri 100 li recuperi dallo Stato l'anno prossimo", queste le sue parole.
Ma non è tutto. L'inviato del tg satirico ha altresì intercettato un altro albergatore intento ad offrire lo stesso "servizio", ma a un prezzo diverso: "Posso darti solo 180 euro, tutti facciamo così” modus operandi che, però, entrambi i furbetti hanno negato dinanzi alle telecamere. Peccato fossero stati precedentemente filmati di nascosto.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto! 

Change privacy settings