Lo ricoverano per Covid, nella Rsa lo danno per morto e gli rubano ogni cosa: lui sopravvive e denuncia tutti

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Accade a Torino, dove al pover'uomo 93enne sono stati fatti sparire bancomat, orologio, soldi, abiti: "Unico superstite di otto contagiati, ho salvato solo l'apparecchio acustico". Inchiesta interna senza risultati, ma ora indaga la polizia


TORINO. Era rimasto in ospedale per quasi un mese, unico sopravvissuto del gruppo di otto anziani ospiti di una Rsa di via Cassini 14, quartiere Crocetta di Torino, risultati positivi al Covid e finiti in ospedale a dicembre. Quando è tornato nella struttura per anziani, però, si è trovato senza più niente: spariti abiti, orologi, e anche il bancomat da cui sono stati prelevati circa 1500 euro in tranche da 250 euro. L'anziano ospite della rsa, un 93enne, era stato ricoverato il 10 dicembre al Mauriziano insieme ad altri risultati positivi al covid. Nell'urgenza del ricovero, l'uomo ha lasciato tutti i suoi averi nella sua stanza nella struttura dove vive da ormai quasi quattro anni. "Aveva con sé soltanto l'auricolare dell'apparecchio acustico", spiega la nipote. Non ci sono più i suoi abiti, la giacca di cachemire regalata dai nipoti, mancano persino le pantofole: nel portafoglio sono spariti il bancomat e i documenti.

"Mio zio non può essere stato, nei giorni in cui sul suo conto vengono segnalati i prelievi lui era in ospedale con il casco", racconta a La Repubblica la nipote dell'uomo, che lo ha accompagnato a sporgere denuncia negli uffici del commissariato San Secondo. Un caso che fa il paio con quello, emerso anche oggi in Piemonte, di un operatore sanitario denunciato dopo aver fatto man bassa nel conto corrente di un'ospite di un'altra Rsa a cui aveva sottratto il bancomat. "Non sappiamo dove siano finite le sue cose, ma molte cose sono sparite - racconta la nipote - alcuni indumenti con il tempo gli sono stati restituiti ma quello che più lo ha ferito è pensare di essere stato abbandonato e che le sue cose non fossero state custodite. Mi ha detto: pensavano che non sarei più tornato e mi hanno preso tutto". Lo ha ripetuto anche ai poliziotti dove ha sporto denuncia.

La sparizione del bancomat, dell'orologio e di alcuni indumenti erano stati segnalati anche alla direzione dell'rsa prima di presentare denuncia al commissariato e sul fatto era stata avviata un'indagine interna che, però, non ha mai chiarito chi avesse preso gli oggetti dalla stanza dell'anziano e chi avesse prelevato usando il suo bancomat.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings