Astrazeneca: una nuova cura contro le trombosi

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Lo studio di un’università canadese offre un bagliore di speranza


CANADA. L’ateneo dell’Ontario, la McMaster University, ha messo a punto una cura contro le trombosi che parrebbero essere provocate dal vaccino Astrazeneca.
Come riferisce Tgcom 24, data la crescita esponenziale di casi di trombosi rare nei soggetti che hanno ricevuto il vaccino - resta da accertare ovviamente il nesso di causalità - sono state avviate svariate ricerche con la finalità di trovare una cura efficace.

Sembra offrire una speranza lo studio canadese pubblicato sulla rivista scientifica ‘New england journal of medicine’.
La ricerca riporta che, attraverso un mix di anticoagulanti e di immunoglobuline somministrato per via endovenosa, sono stati salvati 3 pazienti, precedentemente sottoposti alla vaccinazione anti Covid. Tutti loro - di età compresa tra i 63 e i 72 anni - avevano successivamente sviluppato trombosi arteriose alle gambe, mentre il terzo ha subito una trombosi venosa cerebrale.

La cura agirebbe sulla causa comune dei trombi rari, che consiste nella diminuzione delle piastrine nei 5/15 giorni successivi all’inoculazione del vaccino oppure quando gli anticorpi, probabilmente stimolati dal vaccino, attaccano una proteina del sangue, nello specifico la PF4. Nei due casi le piastrine si accumulano e creano dei grumi potenzialmente letali se non sciolti. Dunque, la ricerca messa a punto dall’università canadese agisce sullo stop all’aggregazione insana delle piastrine e sullo scioglimento dei trombi per mezzo degli anticoagulanti.

Al momento, la comunità scientifica sta testando la effettiva efficacia di tale trattamento, ai fini di un’eventuale trasformazione dello stesso in un protocollo mondiale.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings