Fisco, ecco tutte le scadenze: giugno mese di fuoco

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Le principali tasse da ricordare, per non beccare multe e pagare di più


Il Governo ha recentemente varato alcune norme per rendere più semplice la vita burocratica degli italiani, ma questo non significa affatto che giugno sarà un mese semplice. Sono ben 144 le scadenze da ricordare in sole due settimane, dal 16 al 30 giugno. Tantissime e tutte concentrate: ecco quelle più importanti.

Già mercoledì 16 arrivano le scadenze delle tasse da ricordare assolutamente per non beccarsi multe e pagare di più. Si concentrano 62 appuntamenti diversi tutti in un solo giorno, a partire dall’imposta sugli intrattenimenti relativi alle attività svolte con carattere di continuità nel mese precedente passando per la rata relativa al canone Rai.

Le scadenze del 2021 sono ben 144

C’è poi la Tobin Tax, ovvero l’imposta sulle transazioni finanziarie. Bisognerà anche pagare la quarta rata dell’Iva dell’anno 2020. Tra gli altri versamenti anche quello su interessi e redditi di capitale corrisposti o maturati, su contributi, indennità e premi vari, su cessione titoli e valute e molti altri. Tra queste l’addizionale comunale all’Irpef a seguito di cessazione del rapporto di lavoro e l’addizionale sui compensi a titolo di bonus e stock options trattenuta dal sostituto d’imposta.

Il 16 giugno sono previste anche liquidazione e versamento dell’Iva e gli adempimenti contabili per gli esercenti del commercio al minuto. Questi ultimi dovranno registrare, le operazioni per cui è stato rilasciato lo scontrino fiscale o la ricevuta fiscale nel mese precedente. La registrazione è fattibile anche cumulativamente.

Fine mese di fuoco

Pochi giorni dopo, il 21 giugno, tocca alle scadenze del canone Tv. Bisognerà comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati dettagliati relativi a quest’imposta. Il 25 giugno arrivano alcune de le scadenze delle tasse da ricordare assolutamente per non beccarsi multe e pagare di più. È anche il termine per presentare gli elenchi di riepilogo sulle cessioni di beni e prestazioni di servizi del mese precedente.

Fine giugno sarà se possibile ancor più infuocata. Entro l’ultimo giorno del mese va presentato il cartaceo della dichiarazione dei redditi del contribuente deceduto. Assieme ad esse la scelta per la destinazione dell’otto per mille, cinque per mille e del due per mille dell’Irpef. Infine, tra le altre cose, c’è da versare il primo acconto 2021 e il saldo 2020 dell’Irap.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

 

Change privacy settings