Covid, è ufficiale: green pass valido in tutta l'Ue dal primo luglio. Tutti i dettagli

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il premier Draghi ha firmato il Dpcm che definisce le modalità di rilascio delle "certificazioni verdi”. Disponibili anche in farmacia


ROMA. Via libera agli spostamenti in tutto il territorio dell’Ue dal primo luglio con il green pass. Il premier Draghi ha firmato il Dpcm che definisce le modalità di rilascio delle "certificazioni verdi”, grazie a cui, oltre che i viaggi, sono regolamentate le partecipazioni a eventi pubblici (manifestazioni sportive, fiere e matrimoni) e gli accessi alle Rsa.

Il green pass – riferisce TgCom24 – sarà disponibile in versione digitale o, in alternativa, potrà essere richiesto in copia cartacea al proprio medico, al pediatra o in farmacia, utilizzando la tessera sanitaria.

COME FUNZIONA. Il sito dgc.gov.it è ora operativo e tutte le certificazioni associate alle vaccinazioni effettuate entro il 17 giugno saranno rese disponibili entro il 28 giugno. La piattaforma informatica nazionale dedicata al rilascio delle certificazioni sarà progressivamente allineata con le nuove vaccinazioni. Per le informazioni è possibile contattare il numero verde della app Immuni 800-91-24.91, tutti i giorni dalle 8 alle 20. Già dai prossimi giorni i cittadini potranno ricevere notizie via e-mail o sms. La certificazione sarà disponibile per la visualizzazione e la stampa su pc, tablet o smartphone.

QUANTO DURA IL CERTIFICATO. Il certificato verde Covid19 – si apprende dal Corsera - ha una durata variabile. Nel dettaglio:

* Certificato verde Covid19 per vaccinazione: è valido a partire dal quindicesimo giorno dopo la somministrazione della prima dose e fino alla data della seconda dose. Da quel momento, la certificazione è valida per ulteriori 9 mesi.

* Certificato verde Covid19 per avvenuta guarigione: è valido per sei mesi dalla data di fine isolamento;

* Certificato verde Covid19 per test antigenico o molecolare con esito negativo: è valido per 48 ore dal tampone, ovvero dal momento del prelievo del materiale biologico.

IL CERTIFICATO PUÒ ESSERE REVOCATO. Il certificato verde viene revocato in caso di infezione da Covid19. La positività al virus, infatti, verrà immediatamente registrata nella banca dati e questo comporterà l’annullamento del pass.

CHI PUÒ RICHIEDERE LA CERTIFICAZIONE. Il green pass spetta a tutti coloro che sono stati vaccinati e a chi è risultato negativo a un tampone molecolare o un antigenico rapido effettuato entro le 48 ore precedenti allo spostamento. Anche chi è guarito dal Covid ed è uscito dall’isolamento dopo il tampone negativo può richiedere la propria certificazione verde.

LA DURATA DEL CERTIFICATO DIPENDE DAL VACCINO. La durata del certificato verde Covid-19 è di 9 mesi dal momento della seconda dose. Poiché però è valido anche nella finestra tra la prima e la seconda dose, la durata totale del green pass dipende dal tipo di vaccino inoculato. Nel dettaglio:

*il green pass di chi viene vaccinato con Astrazeneca, la cui seconda dose al momento è somministrata circa 3 mesi dopo la prima, ha una validità di quasi un anno (la finestra tra prima e seconda dose è infatti di 12 settimane, per un totale di 11 mesi e 10 giorni);

* Pfizer prevede la seconda dose dopo circa 21/42 giorni, la durata del green pass può dunque aggirarsi intorno ai 10/11 mesi;

* il vaccino Moderna ha il secondo richiamo a 21/42 giorni e la durata del green pass totale si attesta sui 10/11 mesi;

* il vaccino Johnson&Johnson richiede una sola dose e la certificazione verde ha validità totale di 9 mesi.

 

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 



Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings