Covid, in Italia variante Delta verso il 17%. L’Ema: i vaccini la combattono, ma con richiamo

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Casi in aumento nel Belpaese. La campagna di immunizzazione sembra funzionare ma le istituzioni evidenziano l’importanza della seconda dose


ROMA. Impennata di casi di variante Delta e Kappa (sottotipo della prima) di Covid 19 in Italia: si è passati da una percentuale del 4,2 del mese di maggio a una del 16,8 del mese di giugno in corso.
Tuttavia, la variante più diffusa resta quella cosiddetta Alfa al 74,92%. Sono i primi dati emersi dal monitoraggio ‘Sistema di Sorveglianza Integrata Covid-19’ dell'Istituto superiore di sanità, in attesa della flash survey.

Situazione che accresce lo stato d’allerta, specie ora che – come annunciato dal Ministro della salute Roberto Speranza, tutta l’Italia è diventata ‘zona bianca’.
Dal Cts arrivano le parole del coordinatore Franco Locatelli che evidenzia come “la variante Delta può provocare patologie nei soggetti non vaccinati o che hanno ricevuto una sola dose di vaccino". Parole cui fa eco la direttrice esecutiva dell'Ema, Emer Cooke, la quale avverte: “La variante Delta sarà sempre più importante", in termini di diffusione in Europa. E precisa: "I vaccini stanno funzionando anche contro la variante Delta, ma dobbiamo essere certi che si faccia anche la seconda dose".

Intanto in Emilia Romagna è stato avviato il famigerato sequenziamento su tutti i nuovi casi positivi di coronavirus, utile a individuare eventuali varianti presenti nella Regione. Prassi da estendere a tutti i territori.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto! 

Change privacy settings