Contagiato dalle scimmie, veterinario cinese prima vittima del virus Herpes B

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Il 53enne di Pechino avrebbe sezionato due macachi morti a marzo


PECHINO. Ha contratto una rara malattia infettiva causata dal virus Herpes B dei macachi. Ha perso così la vita un veterinario di 53 anni di Pechino. Si tratta del primo caso umano documentato di questo virus in Cina.

Come riporta Tgcom 24 secondo le autorità cinesi l'uomo ha lavorato in un istituto di ricerca specializzato nell'allevamento di primati e avrebbe sezionato due scimmie morte a marzo. Il veterinario avrebbe accusato nausea, vomito e febbre prima di morire il 27 maggio.

Le analisi del sangue e della saliva della vittima hanno rilevato la presenza deI virus Herpes B. Due dei suoi stretti contatti, un medico e un'infermiera, sono risultati negativi al virus. Si tratta infatti di un virus che si diffonde tra i macachi, ma è estremamente raro che si trasmetta all'uomo. Se non trattata, la malattia provocata dal virus ha un tasso di mortalità che sfiora l'80%.

Sono meno di 100 i contagi da primati a uomini registrate dal 1932, molte delle quali in Nord America: si tratta soprattutto di veterinari e ricercatori che lavorano direttamente con i macachi. Secondo gli esperti statunitensi del Centers for Disease Control and Prevention c'è stato solo un caso documentato di un essere umano infetto che ha diffuso il virus a un'altra persona. 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui  e salva il contatto!

Change privacy settings