Reddito di cittadinanza, a Napoli e Caserta il 20% dei beneficiari

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Uno studio della Cgia Mestre evidenzia anche che chi ha trovato lavoro con i navigator (percentuale molto bassa) costerebbe allo stato il doppio di quanto un datore di lavoro spende annualmente per un operaio full time. Da tuttolavoro24.


Le province di Napoli e Caserta, da sole, hanno ‘beneficiato’ del 20 per cento del totale di quanto stanziato per il reddito di cittadinanza. Il dato, che apre il campo a una serie di possibili riflessioni, è stato diffuso dalla Cgia di Mestre che ha realizzato uno studio in merito. 703mila sono i beneficiari di RdC delle due province su un totale di 3.550.342 in Italia. Oltre 555mila i percettori nella sola provincia di Napoli che, come è noto, rappresenta un’area metropolitana enorme in Italia. In questo senso, il totale dei beneficiari della provincia di Napoli equivale a quello dei beneficiari delle province di Roma, Milano e Palermo messe insieme. La notizia è stata diffusa da Tuttolavoro24 che, in un altro articolo, realizzato sempre sulla base degli Studi della Cgia (Associazione Artigiani e piccoli imprenditori), quantifica in 52mila euro l’anno il costo per lo Stato di ogni beneficiario del Reddito di Cittadinanza che ha trovato lavoro, vale a dire oltre il doppio di quanto spende (25mila euro) ogni anno un datore di lavoro per un operaio a tempo indeterminato full time. E poi c’è il dato forse più importante: quello dei beneficiari per cui il Reddito di Cittadinanza ha rappresentato un ponte efficace verso un lavoro vero. Su oltre 3 milioni e mezzo di beneficiari solo 152mila hanno trovato lavoro in virtù del sostegno dei navigator. Stando a questi dati il sussidio sarebbe importante per chi si trova in stato di estrema povertà ed esclusione sociale, ma sarebbe un fallimento come strumento per combattere la disoccupazione.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings