Origine Covid, Cina pronta a esaminare i campioni di sangue di Wuhan

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La maggior parte degli esperti pensa che il virus potrebbe aver infettato le persone prima di dicembre 2019


WUHAN. Dopo il pressing dell’Organizzazione mondiale della sanità, la Cina è pronta a esaminare fino a 200mila campioni di sangue prelevati agli abitanti di Wuhan negli ultimi mesi del 2019, ossia prima che l'epidemia di Covid-19 scoppiasse. Il tutto – riferisce Tgom24 - per contribuire a fare luce su come e quando il coronavirus abbia fatto la propria comparsa e, soprattutto, quale sia la sua origine. L'indagine sui campioni conservati nel centro ematologico della provincia cinese era stata sollecitata già a febbraio dall'Oms, oggi dunque si parte.

I campioni, se conservati correttamente, potrebbero contenere elementi cruciali dei primi anticorpi prodotti dall'uomo contro la malattia. Gli stessi sono stati custoditi per due anni come prova in eventuali azioni legali relative alla loro donazione. E se, come si pensa, i mesi chiave in cui il virus potrebbe aver iniziato a circolare sono ottobre e novembre 2019, il tempo stringe.

Ed ecco che un funzionario della Commissione sanitaria nazionale cinese ha detto alla Cnn che la preparazione per i test è attualmente in corso. I campioni contengono "indizi assolutamente vitali - ha commento Maureen Miller, professore associato di epidemiologia alla Columbia University, sollecitando la Cina a consentire agli esperti stranieri di osservare il processo - Nessuno crederà ai risultati che la Cina riporta a meno che non ci siano osservatori qualificati”.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto! 

 

 

Change privacy settings