Covid, turismo: ecco i Paesi che aprono le frontiere e tutte le regole

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Attivi fino al 31 gennaio 2022 i corridoi turistici Covid-free tra Italia e Aruba, Maldive, Mauritius, Seychelles, Repubblica Dominicana e le zone di Marsa Alam e Sharm El Sheikh in Egitto. Dall'8 novembre gli Stati Uniti accolgono turisti "completamente vaccinati", senza necessità di quarantena


Riparte il turismo, ma non in tutti i Paesi e soprattutto con regole rigide. SkyTg24 stila l’elenco dei luoghi in cui si può viaggiare e con quali limitazioni.

STATI UNITI. Dall’8 novembre porte aperte ai turisti con certificato di vaccinazione completa – con i farmaci Pfizer, Moderna, Johnson&Johnson (riconosciuti dalla Fda, Food and drugs administration), AstraZeneca, Sinovac e Sinopharm (non riconosciuti).
La fine del divieto di spostamento riguarda 33 Paesi, tra cui Italia, Regno Unito e Cina. Per viaggiare servirà anche sottoporsi a un tampone anti Covid entro 72 ore dalla partenza. Per tornare in Italia, bisognerà compilare il Passenger Locator Form ed effettuare un nuovo test nei tre giorni precedenti il rientro

REGNO UNITO. Per entrare nel Regno Unito, dal 1°ottobre è necessario un passaporto, mentre per quanto riguarda le regole Covid, non è più richiesto di osservare un periodo di quarantena. Obbligatorio però sottoporsi a test entro 48 ore dall’ingresso e la compilazione del Passenger Locator Form

I VIAGGI IN EUROPA. La condizione generale per i viaggi nei Paesi membri dell’Unione Europea e in quelli dell’Area Schengen è essere in possesso di un Green pass, che si ottiene dopo essere guariti dal Covid-19, oppure con l’esito di un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti o avendo completato il ciclo vaccinale. Tuttavia, anche all’interno dei confini europei, ogni Paese può stabilire regole precise anche diverse da quelle fissate a livello comunitario. Prima di viaggiare, è utile consultare il sito viaggiaresicuri.it della Farnesina

LE LISTE DI PAESI IN CUI SI PUÒ VIAGGIARE. L’Italia ha predisposto cinque liste (A, B, C, D, E) che prevedono regole differenti per i viaggi in entrata e in uscita dall’Italia. Almeno fino al 25 ottobre, salvo proroghe, è sempre possibile viaggiare anche per turismo nei Paesi delle liste C e D. Nella prima sono ricompresi tutti gli Stati dell’Unione Europea, dello spazio Schengen e Israele.

I Paesi della lista D sono: Albania, Arabia Saudita, Armenia, Australia, Azerbaigian, Bosnia ed Erzegovina, Brunei, Canada, Emirati Arabi Uniti, Giappone, Giordania, Libano, Kosovo, Moldavia, Montenegro, Nuova Zelanda, Qatar, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord (compresi Gibilterra, Isola di Man, Isole del Canale, basi britanniche nell’isola di Cipro), Repubblica di Corea, Repubblica di Macedonia del Nord, Serbia, Singapore, Stati Uniti d’America, Ucraina, Taiwan, Regioni Amministrative Speciali di Hong Kong e Macao.

SPAGNA. La Spagna aggiorna ogni sette giorni una lista di Stati o anche di singole Regioni considerate a rischio. Chi entra in Spagna deve comunque presentare un formulario scaricabile sul sito Spain Travel Health.

FRANCIA. Parigi divide i Paesi in tre fasce di rischio: verdi, arancione e rosse. L’Italia è inserita tra gli Stati in verde, ai cui cittadini per l’ingresso senza limitazioni all'arrivo viene richiesto un certificato di vaccinazione, valido dopo una settimana dalla seconda dose di Pfizer, Moderna e AstraZeneca e dopo quattro settimane dall’unica dose di Johnson&Johnson. Altrimenti, basta che sia passata una settimana dalla prima dose per chi aveva già contratto il Covid in precedenza. I turisti non vaccinati, a esclusione dei minori di 12 anni, devono presentare un certificato di “avvenuta guarigione da Covid-19 da almeno 12 giorni e da non più di 6 mesi oppure l’esito negativo di un test molecolare o antigenico effettuato meno di 72 ore prima della partenza".

GERMANIA. Nessuna regola per zone di rischio in Germania. Chiunque entri nel Paese, deve presentare una certificazione che attesti la vaccinazione o la guarigione dal Covid, oppure l’esito negativo di un tampone (entro 48 ore prima se rapido e 72 se molecolare), esclusi i minori di 12 anni. Basta una sola dose di vaccino se si è già contratto il Covid in precedenza.

CANADA. Lo scorso 7 settembre anche il Canada ha aperto i confini ai turisti che abbiano già completato il ciclo vaccinale. Oltre a questo, serve anche il risultato negativo di un test molecolare effettuato entro i tre giorni antecedenti al viaggio.

CORRIDOI COVID-FREE. Il 28 settembre il ministro della Salute Roberto Speranza ha autorizzato, fino al 31 gennaio 2022, i corridoi Covid-free. Per viaggiare verso i Paesi che rientrano nella lista (Aruba, Maldive, Mauritius, Seychelles, Repubblica Dominicana e le zone di Marsa Alam e Sharm El Sheikh in Egitto), è richiesto il Green pass e l’esito negativo di un tampone, molecolare o antigenico, effettuato nelle 48 ore prima del volo. Le regole sono valide per i viaggi organizzati da operatori turistici e sono fatte salve indicazioni specifiche in ogni Stato.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

 

Change privacy settings