Vaccino con un avanbraccio in silicone, no vax tenta di ingannare i sanitari: scoperto e denunciato

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

È accaduto in un hub di Biella. L’uomo, un 50enne, voleva ottenere il Green pass. Colto sul fatto, ha cercato di convincere l'operatrice a chiudere un occhio. L'Asl ha segnalato il caso alla procura


BIELLA. Voleva ottenere il Green pass senza vaccinarsi contro il Covid. E per questo si è presentato all'hub ad accesso diretto per le prime dosi di Biella con un avambraccio in silicone, pensando di ingannare gli operatori sanitari. Ma è stato scoperto e denunciato.
Protagonista della vicenda – riferisce TCom24 – un 50enne, che avrebbe pure tentato di convincere l’operatrice sanitaria a chiudere un occhio.

“Nonostante l'applicazione in silicone fosse molto simile alla vera pelle, - si legge - il colore e la percezione al tatto hanno insospettito l'operatrice sanitaria impegnata nella vaccinazione, che ha chiesto quindi alla persona di mostrare per intero il proprio braccio”. Di qui è venuto a galla il tentativo di inganno. L’uomo è stato denunciato ai carabinieri e l'Asl ha segnalato il caso alla procura.

"Il caso rasenta il ridicolo, - commentano il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, e l'assessore alla Sanità, Luigi Icardi - se non fosse che parliamo di un gesto di una gravità enorme, inaccettabile di fronte al sacrificio che la pandemia sta facendo pagare a tutta la comunità".

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti


Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

 

Change privacy settings