Iorio con Raffaele Fitto, nel movimento 'Direzione Italia'

Iorio con Raffaele Fitto, nel movimento 'Direzione Italia'

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

L’ex governatore del Molise è a Roma per partecipare alla 'Convenzione blu' per la nascita del nuovo soggetto politico, ispirato a un centrodestra liberal-conservatore, sul modello dei ‘Tories’ inglesi. In 2.500 all'hotel 'Ergife'


CAMPOBASSO. Michele Iorio con Raffaele Fitto nella ‘Convenzione blu’, riunita ufficialmente oggi per sancire la nascita di 'Direzione Italia' in una convention all’hotel ‘Ergife’ di Roma. Un movimento, quello fondato dall’ex governatore della Puglia, finalizzato a creare un nuovo soggetto politico, liberal-conservatore, liberamente ispirato ai ‘Tories’ inglesi. Tanto più che al Parlamento europeo Fitto è vice presidente del gruppo dei Conservatori. Un progetto politico che chiama raccolta i delusi, coloro che non sono più andati a votare e sono alla ricerca di un centrodestra moderno. E che spinge per le elezioni primarie.

Tra i primi a aderire a 'Direzione Italia' anche Michele Iorio, come ha anticipato ‘Il Corriere della Sera’, partito oggi in pullman per la capitale insieme a molti altri simpatizzanti, aderenti al suo movimento ‘Insieme per il Molise’. Una presa di distanza quasi definitiva da Forza Italia. “In viaggio per Roma – ha scritto Gerardo Cafaro, coordinatore di Isernia di ‘Insieme per il Molise’ - Oggi nasce il nuovo partito di centro, con Raffaele Fitto, Michele Iorio e tanti altri amici. In bocca al lupo”. 'Direzione Italia' non spinge per votare subito chiede precise regole per la legge elettorale. “Serve una legge maggioritaria sul modello del Mattarellum, no ad inciuci e Nazareni”, ha detto Fitto.

"Vorremmo un centrodestra di nuovo credibile, rinnovato, combattivo - ha spiegato ancora Fitto - Non ci piace il Nazareno berlusconiano (che sembra tornare, a partire dalle banche), e non ci piace l’idea che una maggioranza sociale di elettori di centrodestra debba essere solo spettatrice del derby tra Pd e Cinquestelle, con un centrodestra marginale e fuori partita. Ognuno fara' la sua parte - ha aggiunto Fitto - oggi qui siamo 2500. Da noi viene una chiamata ai delusi, agli astenuti, agli elettori in cerca di un centrodestra credibile, moderno, riformatore".

C.S.

Privacy Policy