Isernia, cadono pannelli dal controsoffitto al liceo classico: scatta la protesta degli studenti

Isernia, cadono pannelli dal controsoffitto al liceo classico: scatta la protesta degli studenti

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Sciopero per chiedere ulteriore attenzione dalle istituzioni. Coia: no ad allarmismi. Conferme in tal senso dal responsabile per la sicurezza


ISERNIA. Non c’è pace al liceo Fascitelli di Isernia. Dopo la caduta di due pannelli dalla controsoffittatura, a quattro  giorni di distanza l’uno dall’altro, gli studenti del Classico hanno deciso di scioperare, ieri mattina, per tenere alta la guardia sul tema della sicurezza degli edifici scolastici. Lo storico liceo di corso Garibaldi era stato riaperto soltanto il 7 giugno scorso, dopo ben otto anni di chiusura. Interessato da una ristrutturazione costata 2.5 milioni di euro, era stato definito dalle istituzioni come la scuola sicura per eccellenza, in città. Eppure, alla prima abbondante pioggia, lo scorso 6 novembre, un primo pannello di compensato si è staccato dal soffitto per un’infiltrazione di acqua, suscitando non poche perplessità tra gli studenti. Un episodio a seguito del quale il presidente della Provincia di Isernia, Lorenzo Coia, si era attivato per richiedere l’intervento dell’impresa che aveva eseguito i lavori, minimizzando l’accaduto e parlando di un danno di lieve entità, subito risolto. Ma proprio due giorni fa, venerdì 10 novembre, un secondo pannello è venuto giù, provocando la reazione degli studenti, tornati a protestare per avere certezze sulla loro scuola.

Anche in tal caso Coia ci ha tenuto a rasserenare gli animi: quanto accaduto non starebbe affatto a significare che i lavori non sono stati eseguiti a dovere o che l’edificio non è sicuro. Tutto sarebbe dipeso dall’accensione dell’impianto di aerazione, dopo mesi di inattività. Ma non ci sarebbe motivo per allarmarsi, come confermato dal responsabile della sicurezza. Intanto, lunedì 13 novembre, la ditta appaltatrice sarà chiamata a fare qualche verifica più approfondita sul controsoffitto.

 

Privacy Policy